utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Assistere gli anziani in casa, un corso di formazione per familiari.Al via lunedì 8 aprile nel Centro Anteas di Osimo un serie di incontri gratuiti

1' di lettura
1852

Assistere i propri cari anziani a domicilio, specie se malati o non autosufficienti, è l'impegno quotidiano di molti familiari: un ruolo impegnativo in termini di cure, energie e attenzione richieste, che porta con sé anche momenti di stanchezza e stress.

Proprio per aiutare e valorizzare l'impegno di questi "care giver", l'Anteas servizi Marche, nell'ambito del progetto "Famiglia al centro", organizza il corso di formazione gratuito "CuriAMO in casa", con otto incontri settimanali, che si svolgeranno a partire dall'8 aprile, ogni lunedì dalle 16 alle 18, nei mesi di aprile e maggio, nel Centro di aggregazione Anteas di Osimo, in via Saffi 2.

Gli incontri, che alterneranno momenti formativi teorici a pratiche di rilassamento, sono rivolti a 25 familiari di persone anziane residenti nell'Ats 13 (Camerano, Castelfidardo, Loreto, Numana, Offagna, Osimo e Sirolo) e verteranno su gestione dello stress da caregiving, conoscenza dei fattori protettivi e di rischio nel processo di invecchiamento per mantenere il benessere della persona anziana, mindfulness e tecniche di rilassamento per affrontare e gestire situazioni stressanti legate al carico assistenziale. A condurre gli incontri saranno le psicologhe dott.sse Elena Gambella e Maria Velia Giulietti.

Per info e adesioni contattare il numero 333 5706559. L'iniziativa si inserisce all'interno del progetto sociale "Famiglia al centro", con capofila Casa Grimani Buttari e diversi partner tra cui Ats 13, Anteas, CSV Marche (Centro servizi per il volontariato), e finanziato dalla Fondazione Cariverona, che prevede una serie di servizi e interventi nei comuni dell'Ats 13, per mantenere il più a lungo possibile l'autonomia dell'anziano che vive in casa e aiutare i familiari che quotidianamente si prendono cura dei loro cari.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2019 alle 07:04 sul giornale del 06 aprile 2019 - 1852 letture