Accadde oggi: il 2 novembre 1975

1' di lettura 02/11/2018 - Il 2 novembre 1975, esattamente 43 anni fa, si consumò il delitto Pasolini. Nelle prime ore della notte di domenica 2 novembre, una pattuglia dei carabinieri in servizio sul lungomare di Ostia, fermò un'auto che procedeva contromano, alla cui guida c'era Pino Pelosi.

All'alba, nei pressi dell'idroscalo ostiense, fu ritrovato da alcuni residenti il corpo senza vita di Pasolini, martoriato e quasi irriconoscibile per i colpi subiti. Un delitto efferato di cui si accusò immediatamente il Pelosi, indicando un movente a sfondo sessuale.

La dinamica dell'omicidio insieme ad altri elementi, ignorati dagli investigatori, fecero emergere più tardi un'altra verità: ad ammazzarlo erano state più persone e il movente non era certo a sfondo sessuale. Lo stesso Pelosi nel 2005, intervenendo in TV, confessò di non esser stato lui e di aver taciuto per paura di ritorsioni nei confronti della sua famiglia.

Sulla base di queste dichiarazioni la Procura di Roma riaprì il caso ma per mancanza di ulteriori prove si vide costretta ad archiviarlo nuovamente. Resta il velo d’ombra sulla morte di un intellettuale considerato "scomodo" per i suoi tempi, che nelle sue opere e nelle interviste non mancava mai di denunciare il potere omologante della società dei consumi e dei mezzi di comunicazione di massa come la TV.






Questo è un articolo pubblicato il 02-11-2018 alle 08:29 sul giornale del 02 novembre 2018 - 149 letture

In questo articolo si parla di attualità, storia, delitto, poeta, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aZZE

Leggi gli altri articoli della rubrica Accadde Oggi





logoEV
logoEV