Loreto: assemblea 2018 di Feding Marche

5' di lettura 28/04/2018 - Una sala consiliare del Comune di Loreto particolarmente gremita , ha salutato ieri pomeriggio l’ Assemblea 2018 di Feding Marche , un importante momento di confronto tra i consiglieri dei cinque Ordini degli Ingegneri delle province marchigiane che insieme costituisc ono la Federazione Regionale.

L ’Assemblea annuale è la fonda mentale sede di incontro , in cui si definiscono gli indirizzi e le linee guida per le attività del Consiglio, che è l’organo esecutivo della Federazione . Quest’occasione ha rivest ito una particol are importanza perché, dopo il rinnovo del mandato elettivo 2017 - 2021, è stata la prima riunione plenaria dopo il recente insediamento dei cinque Consigli Provinciali federati .

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco di Loreto Paolo Nicoletti e dell’ A sses sore R egiona- le Moreno Pieroni , i quali hanno convenuto che occorre un sempre maggior raccordo tra i tecnici e gli organi di governo locali e nazionali per la modifica e l’ottimizzazione delle normative sulla ricostruzione, il Presidente di Feding Marche Massimo Conti , ha relazio- nato su questo primo periodo di attività del nuovo Consiglio di Federazione.

Il Presidente ha, innanzi tutto, ringraziato per la disponibilità espressa dall’assessore Pieroni a farsi portavoce delle istanze degli Ordini sul problema dell’eccessiva burocratizzazione delle ordinanze commissariali , in particolare sulla norma che prevede il passaggio il diretto delle funzioni in materia sismica ai Comuni, fino ad ora svolte dal Genio Civile Regionale .

Ha poi evidenziato che quello della Federazione è un ruolo di coordinamento nei confronti delle attività svolte dagli Ordini Provinciali , che ha dato grandi frutti nell’istituzione di una Commissione Regionale Sisma , organo di sintesi dei lavori svolti dalle cinque commissioni provinciali af ferenti ai singoli ordini .

Tanto che le Marche hanno assunto un ruolo centrale nel coordinamento degli O rdini Ingegneri delle quattro regioni del cratere, la cui guida è stata affidata all’Ingegner Maurizio Paulini , presidente dell’ordine di Macerata, così come nei rapporti con il Commissario De Micheli demandati all’Ing. Raffae- le Solustri , in rappresentanza del Consiglio Nazionale Ingegneri . Quest’ultimo è anche membro della Commissione Tecnica per l’aggiornamento dei prezzari regionali .

La Federazione ha poi svolto attività consultiva nell’ambito del Consiglio regionale economia e lavoro (C REL ) . L’Ing. Conti ha , inoltre, evidenziato il ruolo importante di Feding Marche nella Formazione Professionale Continua degli iscritti, in particolare per quanto riguar da il DL. 818 /84 e la Sicurezza e ha annunciato una serie di convenzioni in atto con l’Università Politecnica delle Marche in un’ottica d’interscambio e di reciproco aggior- namento professionale di alto valore scientifico .

Gli obiettivi della Federazione Ing egneri saranno il supporto continuo agli ordini provinciali, l’impegno diretto sulle difficoltà si stanno palesando sulla ricostruzione post - sisma, la sviluppo di corsi di formazione scientifica di alto livello con il contributo della Politecnica , tutto ci ò sempre però con lo sguardo ri- volto alla tutela degli iscritti e dei cittadini.

Per la prima volta ha partecipato il Magnifico Rettore Prof. Sauro Longhi , nel suo inter- vento, ha definito quello con gli ordini professionali un rapporto necessario e una co lla- borazione preziosa per migliorare l’offerta formativa dell’Università.

Il Rettore ha quindi introdotto l’intervento del Prof. Domenico Ursino , ordi nario di Inge- gneria Informatica, che ha descritto il corso di perfezionamento, patrocinato dalla Federazione degli Ordini degli Ingegneri delle Marche e dall'Ordine di Ancona , dedicato al “Big data engineering” .

Un percorso di 120 ore articolato in cinque modul i che affronterà, a partire dal 25 maggio, le metodologie, le tecnologie e i principali strumenti c he consento- no di effettuare analisi descrittive, diagnostiche, predittive e prescrittive sull’enorme quantità di dati generati in tutti i cam pi, dalla rivoluzione digitale.

Il Rettore si è inoltre soffermato sull’importanza delle varie discipline dell’inge gneria e sul recente e futuro sviluppo di si- nergie tra i vari corsi di laurea in ingegneria. Dopo la relazione del tesoriere Ing. Alberto Paradisi e l’approvazione del bilancio consuntivo 2017 e preventivo 2018 , la parola è stata ceduta all’ Ing. Raffael e Salustri che ha ringraziato il Consiglio per l’impegno e l’entusiasmo e condividendo l’intento della Federazione Ingegneri Marche di giungere presto al l’istituzione di una Rete delle Professioni tecniche anche in ambito regionale.

Anche l’ Ing. Carlo Cingolani , per finire si sono susseguiti i contributi dei presidenti dei cinque Ordini P rovinciali: Stefano Babini di Ascoli Piceno , Antonio Zamponi di Fermo, Maurizio Paulini di Macerata, Alberto Romagnoli di Ancona e Giorgio Fazi di Pesaro e dell’Ing. Cingolani decano degli ingegneri con ben 35 anni di attività ordinistica alle spalle, ha voluto portare i propri saluti e all’Assemblea.

I lavori sono stati chiusi dal Presidente Massimo Conti, che ha espresso viva soddisfazione per la fattiva partecipazione ai lavori ringraziando i consiglieri di federazione , i consiglieri degli ordini provinciali intervenuti ed il Rettore , chiedendo ai presenti di non smettere mai di ricercare, di innovare per contribuire alla sicurezza e al benessere di tutti.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-04-2018 alle 18:02 sul giornale del 28 aprile 2018 - 93 letture

In questo articolo si parla di ordine, Ordine Ingegneri Provincia di Ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aT3N





logoEV
logoEV