utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Loreto: un progetto di educazione civica per i neo maggiorenni. Giovedì 12 aprile, secondo incontro con la Protezione Civile

2' di lettura
264

Responsabilizzare i giovani appena diventati maggiorenni e far capire loro il valore del contesto in cui si trovano a vivere quotidianamente: è il filo rosso del Progetto Giovani , l’iniziativa ideata e promossa dal Comune di Loreto in collaborazione con la Cassa di Risparmio di Loreto, la Fondazione Opere Laiche, la Fondazione Carilo e la Croce Rossa Italiana, finalizzata ad una crescita consapevole dei diciottenni lauretani ed ad una loro significativa maturazione civica.

Il prossimo incontro, dopo quello di dicembre con l’Aeronautica, è fissato per giovedì 12 aprile alle 21 con i rappresentanti della Protezione Civile presso il Centro Operativo Comunale in piazza Malchiodi. I ragazzi nati tra 1999 e il 2000, sono stati quindi convocati per dar seguito ad un progetto che li vuole coscienti della funzione di alcune delle realtà più significative che in città svolgono un ruolo civile di primo piano.

Che cos’è la Protezione Civile e il Piano di emergenza comunale saranno pertanto il punto di partenza per una serata di approfondimento su quanto sia rilevante, per i cittadini, poter contare su questo Corpo, sia nelle situazioni di emergenze sia anche per sviluppare quella pratica di prevenzione sempre più necessaria a garantire la sicurezza. In generale il progetto, spiega il sindaco Paolo Niccoletti , “ vuole responsabilizzare i giovani e far comprendere loro che, rispetto alla comunità in cui vivono, sono chiamati ad esercitare, oltre che dei diritti, anche precisi doveri.

Per questo abbiamo sviluppato un progetto che rientra puntualmente in quell’ampio programma di educazione civica e di generale utilità cittadina che i diciottenni devono imparare a conoscere meglio. In un’epoca dominata dall’incertezza sul futuro e da un approccio alla realtà dove trova facilmente spazio il mondo virtuale, è importante che anche le istituzioni si preoccupino di formare il senso civico dei ragazzi, un po' come un tempo faceva il servizio di leva, nel nostro caso in modo più laico ”.

Il sindaco rileva poi come “ probabilmente, oggi, anche qualche mese di servizio militare potrebbe tornare utili ai ragazzi ”. Dopo l’incontro di dicembre e quello con la Protezione Civile del prossimo giovedì sono previsti anche altri appuntamenti per articolare il progetto, come quello con la stessa Croce Rossa, durante il quale si affronteranno i temi delle manovre cardiache in caso di soccorso d'emergenza, i rischi collegati alla sessualità non responsabile e la sicurezza stradale, con tanto di simulazione del circuito con 'occhiali da ebbrezza' per far capire ai ragazzi cosa significa mettersi alla guida con scarsa lucidità e cosa fare come primo soccorso in caso di incidente.

Chiusura ideale dell’iniziativa il 2 giugno 2018, festa della Repubblica in cui tradizionalmente il Comune dona copia della Costituzione ai neo 18enni.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2018 alle 17:42 sul giornale del 11 aprile 2018 - 264 letture