utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Progetto "Abitare Solidale", intervista a Giulia Zoboli, operatrice allo sportello di Abitare Solidale

3' di lettura
1931

Presentato il 26 g ennaio scorso dall’Auser Marc he e dall’Auser V olontariato Osimo , insieme a tutti gli altri partner (Comune di Osimo e Ambito territoriale 13, Caritas , Avulss, Donne e Giustizia, Il Campanile e la Casa di riposo Buttari), il progetto Abitare Solidale ha cominciato ad a vere una sua valenza sociale .

“L’idea del progetto - ci ha detto Giulia Zoboli, operatrice allo sportello di Abitare Solidale (al quale ci si può rivolgere per chiedere informazioni e segnalare la propria candidatura) – progetto attivato da circa 10 anni dall'associazione Auser Volontariato Abitare Solidale di Firenze , e da qualche tempo in fase di sperimentazione anche a Pavia e Bologna, - si sta diffondendo ad Osimo , a Camerano , Sirolo e Loreto , e ci sono già segnali incorag gianti”.

Ci può ricordar e in che cosa consiste Abitar e Solidale? “Se qualcuno nella sua casa ha mag ari una camera in più, ed è solo o sola, può decidere di aderire a questo prog etto e si tro verebbe a condi videre , per un periodo , la sua casa con una persona c he abiterà con lei (o lui) e l’aiuterà a sbrig are le faccende quotidiane .

Questa persona non pagherà un affitto , ma contribuirà, ev entualmente , a pag are le bollette e a di videre le spese per il mangiare”. Un mutuo soccor so? “Non solo , perché le due persone potranno anc he pre parare da mangiare insieme , guardare la televisione , fare due c hiacchiere, una passeg giata. E non saranno lasciate sole”. Cioè?

“Il loro n uovo percorso sarà seguito da operatori professionisti (psicologi, counselor , volontari esper ti) che sceglieranno le persone c he abiteranno insieme , in modo da essere sicuri c he i caratteri e le abitudini di c hi condi viderà questa esperienza saranno simili e compatibili.

Per questo , gli operatori organizzeranno incontri di conoscenza tra i potenziali coabitanti e ne v aluteranno la compatibilità. Se va tutto bene , si definirà un Patto Abitativo, nel quale verranno conten ute le condizioni solidali della condi visione abitati va. Ci sarà poi una fase di pro va della durata di circa 1 mese , che sarà seguita dagli operatori”.

E su che tipo di tutele potranno contar e i coa bitanti nel caso qualcosa non funzionasse? “Ogni coppia di coabitanti sarà in un cer to senso adottata, da operatori che monitoreranno l'andamento del rapporto al fine di prevenire o contenere possibili problemi.

Inoltre la condivisione abitativa, oltre c he dal P atto, sarà normata dal comodato d'uso gratuito precario d'immobile , strumento riconosciuto dal codice ci vile che per mette di inter rompere la coabitazione , per volontà di una o di entrambe le parti, in qualsiasi momento , con un prea vviso di circa 30 gior ni” Un pr ogetto inter essante...

“Sì, perché offre a chi è ospitato la possibilità di avere una casa in un momento di difficoltà economica e concede , a chi mette a disposizione una stanza della propria casa, la possibilità di a vere aiuto e compagnia nella vita quotidiana”. Insomma, Abitare Solidale , per una vita migliore basata sulla solidarietà e sulla collaborazione .

Per maggiori informazioni: SPORTELLO ABITARE SOLIDALE aperto su appuntamento il Martedì (17.30 - 18.30) e il Giovedì (10.00 - 12.00) Numero cellulare : 340 7805445 (dal lunedì al venerdì 9.00 - 12.00 e 16.30 - 18.30; sabato 9.30 - 11.30) Mail : Abitaresolidale .osimo@gmail.com Segreteria Auser Volontariato Osimo : tel. 327 3792015 (dal Lunedì al Venerdì ore 9.00 - 12.00). Pagina Facebook Abitare Solidale Marche.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2018 alle 11:06 sul giornale del 09 aprile 2018 - 1931 letture