utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Castelfidardo: sabato 20 gennaio, al cinema-teatro “Astra”, il “Meucci” e la festa della Scienza

3' di lettura
2388

Sabato 20 Gennaio 2018 presso il cinema-teatro “Astra”, di fronte ad una folta e attenta platea di alunni della scuola media e di genitori incuriositi, alcune classi del biennio del Tecnico e del Liceo Scienze Applicate, hanno preso parte alla “Festa della Scienza: Meucci”.

L’evento ludico e culturale, promosso dall’ Istituto Meucci , dal comune di Castelfidardo , dalla Fondazione Carilo e dagli istituti comprensivi fidardensi Mazzini e Soprani , è stato animato dai divulgatori dell’Associazione “Fosforo”, i quali - attraverso esperienze laboratoriali - hanno cercato di dimostrare che materie scientifiche come la chimica e la fisica, se ben proposte e condotte, sono tutt’altro che problematiche e noiose.

Lo spettacolo, al quale sono intervenuti il sindaco di Castelfidardo, il prof. Gabriele Torquati, la prof.ssa Iannotta e la dott.ssa Marchiani della Fondazione Carilo, si è aperto con i saluti e i ringraziamenti della D.S. dell’I.C. Soprani e del direttore di sede, prof. Gabriele Calducci.

Il sindaco Roberto Ascani ha sottolineato come il Meucci sia una vera e propria eccellenza del territorio, come hanno evidenziato i recenti e lusinghieri dati statistici forniti dalla “Fondazione Agnelli”. Il D.S. Torquati ha messo poi in evidenza la coesione del corpo docente e degli studenti e l’entusiasmo che spinge l’Istituto verso tali attività innovative, capaci di porlo ormai su posizioni d’avanguardia, con ricadute formative positive sia sugli studenti che sugli stessi docenti.

La Marchiani, da anni interessata alle numerose iniziative del Meucci, dopo aver elogiato gli insegnanti e gli alunni, ha ricordato che la “Fondazione”, da lei diretta, si occupa del territorio e, quindi, anche dei ragazzi che studiano e vivono in tale contesto. Il prof. Calducci, introducendo la prima parte dell’esibizione di Fosforo , ha ribadito che l’approccio dell’Associazione è essenzialmente ludico.

La metodologia di lavoro, infatti, è molto vicina alla didattica laboratoriale, nella quale - sulle orme di Galileo Galilei - si “ lavora con le mani ” e si “ costruisce ” la scienza, andando oltre la pura teoria, come si evince dagli esperimenti proposti (con oggetti e materiali comuni) sulla pressione atmosferica, sull’effetto giroscopico, sulla vibrazione dell’aria, sul suono e la distanza di risonanza, sui reagenti basici ed acidi e, nella seconda parte, sulla pressione dell’acqua, sulle forze e la combustione.

Nell’intervallo tra il primo e il secondo tempo, è stato proiettato un video di grande impatto, “Arbuz”, realizzato dal laboratorio di Teatro, scrittura e video-maker nel corso dell’a.s. 2016/2017, frutto della collaborazione tra i vari istituti, con l’apporto del Teatro Eliot. La coordinazione del progetto era affidata alla prof.ssa Sofia Frontini, mentre la parte recitativa è stata curata da Ylenia Pace.

Sono intervenuti anche i rappresentanti d’Istituto Vitangeli S., Scansani M., e gli studenti Serrani E., Rata M., Maraschio M., Durante N., Maggio A. e Bellelli A. Essi hanno illustrato le peculiarità dei corsi, la funzionalità dei laboratori, i possibili sbocchi professionali o universitari, ponendo l’accento sul clima scolastico sereno che caratterizza l’intero Istituto e l’empatia tra docenti e allievi.

La manifestazione si è svolta in un’atmosfera serena, attiva e coinvolgente grazie anche all’opera svolta dai rappresentanti d’Istituto e della Consulta, coadiuvati dagli studenti della III A - LSA



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2018 alle 15:22 sul giornale del 24 gennaio 2018 - 2388 letture