Confartigianato: maxi cartelle TARI di Osimo , la Confartigianato chiama a raccolta le imprese

2' di lettura 05/01/2018 - Cartelle TARI, la Confartigianato organizza un incontro aperto a tutte le imprese associate interessate alla questione, che si terrà lunedì 8 gennaio alle ore 18.30 ad Ancona presso l’auditorium del Centro Direzionale dell’Associazione in via Fioretti 2/a (zona Baraccola).

Maxi bollette fino a 330.000 euro, oltre 266 gli imprenditori che hanno visto recapitarsi cartelle di accertamento TARI con importi rilevanti.

La gravità del fatto - dichiara Paolo Picchio responsabile territoriale della Confartigianato di Osimo - ha suscitato immediatamente uno profondo stato di allarme tra le imprese di Osimo e la Confartigianato si è attivata da subito commissionando una analisi – tecnico giuridica ad un team di legali e consulenti per verificare la situazione, andare a fondo della questione e mettere in campo tutte le azioni possibili a sostegno degli imprenditori.

Di questo si parlerà nel corso dell’incontro al quale prenderanno parte il Presidente, il Segretario e il Vicesegretario della Confartigianato Graziano Sabbatini, Giorgio Cataldi, Marco Pierpaoli, il responsabile fiscale Leonardo Gentile ed i consulenti incaricati .

All’incontro verranno presentate alle aziende le varie opportunità per affrontare la situazione. In un contesto già pesante per le imprese del territorio, provate da anni difficili e da tanti ostacoli, il caso delle maxi cartelle rischia di tradursi in una grave stangata, quanto più inopportuna non solo per le significative somme richieste, ma anche e soprattutto per il fatto che – secondo la Confartigianato – stante la buona fede delle imprese, erronee letture possono essere state indotte da una normativa tecnica e di difficile interpretazione.

Perciò dopo il primo incontro con l’Amministrazione Comunale di Osimo, la Confartigianato ne ha richiesto un ulteriore per comprendere la disponibilità dell’amministrazione in un confronto propositivo, che si terrà a breve, per esaminare le azioni che possono risolvere la situazione, non solo nell’urgenza immediata, ma che siano valide anche per evitare che si ripetano fatti simili in futuro.

La Confartigianato ricorda che è operativo presso la propria sede di Osimo in via Marco Polo 94 (tel. 071.9710720) lo ‘sportello Tari’ che offre un servizio di consulenza, gratuita per gli associati, a cui gli imprenditori possono rivolgersi per analizzare le cartelle, verificare la propria posizione e valutare eventuali azioni di ricorso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-01-2018 alle 13:39 sul giornale del 08 gennaio 2018 - 1655 letture

In questo articolo si parla di confartigianato, economia, imprese, urbino, tasse, ancona, pesaro, bollette, territorio, confartigianato ancona e pesaro - urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQqf