La Cassazione: stop alle 'multine'. Il Comune già pronto alla nuovo regime

Multa 4' di lettura 10/02/2017 - Stop alle “multine” in caso di sosta prolungata oltre l’orario per il quale è stata corrisposta la tariffa. A stabilirlo è la Cassazione con la sentenza n. 16258 del 3 agosto 2016, con la quale i giudici della Suprema Corte sciolgono definitivamente i dubbi sulla natura dell’illecito in cui si incorre in materia di mancato pagamento di sosta dei parcheggi.

Si tratta di un illecito amministrativo (e non di un inadempimento contrattuale come ritenuto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) per il quale vanno applicate le sanzioni previste dall’articolo 7, comma 15, del Codice della Strada.

Un orientamento giurisprudenziale, questo, già manifestato dalla Magistratura Contabile con la sentenza n. 888-2012 della Corte dei Conti, sezione giudicante per la regione Lazio. A tutti i comuni d’Italia, dunque, non resta che adeguarsi al dispositivo dei giudici della Suprema Corte.

Ad Osimo, già nel 2012, la precedente Amministrazione, considerate le diverse interpretazioni giurisprudenziali e ministeriali dell’epoca, decise di considerare illecito amministrativo unicamente la mancata esposizione del ticket di avvenuto pagamento (sanzione di 41 euro, con riduzione del 30% se pagata entro 5 gg), una misura tutt’ora in vigore.

Dal 1 aprile 2017, dunque, nel caso di superamento dell’orario di sosta, all’utente verrà applicata la sanzione di 25 euro prevista dall’art. 7 comma 15 del CdS, ridotta del 30 % se estinta entro 5 giorni, ovvero 17,50 euro.

L’attuale Amministrazione Comunale, consapevole delle problematiche relative alla continua evoluzione giurisprudenziale in materia, si è adoperata sin dal suo insediamento nell’adottare azioni mirate a contenere il disagio per gli utenti della sosta a fronte di una eventuale pronuncia della Cassazione, come di fatto è avvenuto. L’applicazione di quanto ordinato dalla Cassazione sarà ampiamente diffusa dal Comune di Osimo a tutti gli utenti attraverso i più disparati mezzi di comunicazione.

Queste le principali misure messe in campo dal 2015 ad oggi:

- costo della sosta del maxiparcheggio ridotto a 2 euro per 24 ore;

- esteso a tutti coloro che lavorano in centro storico la possibilità di usufruire di un abbonamento agevolato al maxiparcheggio;

- novità maxiparcheggio del 2017: aumentati gli stalli riservati ai disabili e alle donne incinta;

- stalli bianchi in centro storico (a disco orario);

- parcheggi ad alta rotazione ad euro 0,50 per la prima ora di sosta;

- introduzione di nuovi metodi di pagamento: oltre al parcometro, al grattino, l’europark, c’è la possibilità di pagamento online con la app Easypark, che permette il pagamento effettivo della sosta dal proprio smartphone;

- proroga dell’apertura dell’impianto di risalita dalle ore 5 del mattino fino alle ore 24, sette giorni su sette;

Queste, invece, le misure adottate a favore dei residenti del centro storico, i quali da anni lamentano difficoltà nel reperire parcheggio:

- diminuito il costo del pass per la prima auto;

- per la seconda o terza auto di proprietà è stata data la possibilità di sostare al maxiparcheggio h24 con una tariffa molto agevolata rispetto all’utenza comune;

- per i residenti che sostano oltre l’orario consentito nelle aree ad alta rotazione sarà applicata la sanzione di 25 euro invece che 41 (ridotta del 30% se pagata entro 5gg);

- attivata una modalità veloce per ottenere il pass residenti: per chi non ha modificato i requisiti rispetto all’anno precedente, basterà scaricare il modello A dal sito istituzionale, o compilarlo direttamente presso gli uffici della PM, assieme al bollettino pagato. Verrà contestualmente rilasciato il permesso per l’anno in corso; - in occasione di eventi o mercati straordinari i residenti potranno usufruire anche delle aree adibite ad alta rotazione;

- disponibile solo per residenti un permesso gratuito (da ritirare presso gli uffici della PM) per il transito nelle zone del centro occupate da mercati o eventi;

- dal 1 aprile sarà attivo un numero da usare con la app Whatsapp che, dopo regolare registrazione dell’utente, permetterà di ricevere comunicazioni su eventuali modifiche alla viabilità o della sosta. Il servizio è accessibile anche ai non residenti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-02-2017 alle 17:09 sul giornale del 11 febbraio 2017 - 1501 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aGjE





logoEV
logoEV