utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Il Comune di Castelfidardo acquista “bio” in collaborazione con i Gruppi di Acquisto Solidali

2' di lettura
349

Il Comune di Castelfidardo a 5 Stelle nell'ottica di favorire la piccola impresa e il commercio a km zero e solidale ha incontrato questa mattina l'imprenditrice Giulia Spanò titolare di un'azienda agricola calabra che produce agrumi biologici.

E’ stata l'occasione per i dipendenti comunali di acquistare clementine bio e confetture di agrumi. L'assessore Foria, presente alla consegna unitamente al sindaco Roberto Ascani, al presidente del Consiglio Ragnini e la Giunta tutta, crede che “le istituzioni dovrebbero essere maggiormente sensibili verso la piccola e piccolissima impresa soprattutto del territorio e pertanto il Comune sta avviando un progetto in stretta collaborazione con i Gruppi di Acquisto Solidali”.

A Castelfidardo da circa 10 anni esiste il "Gas" L'albero del Riccio grazie alla cui esperienza si sta intavolando una collaborazione rivolta soprattutto a sensibilizzare la cittadinanza a privilegiare gli acquisti di prodotti a km zero e di qualità. “Tale collaborazione si avvierà concretamente con le iniziative Natalizie ove saranno presenti espositori di questa natura e stiamo lavorando per istituire un mercatino settimanale di prodotti

agroalimentari – spiega Foria -; se tutti i dipendenti di tutti i Comuni acquistassero in questo modo, si avrebbero importanti ricadute economiche e occupazionali per i territorio oltre ai vantaggi in termini di salute, riduzione degli sprechi e di inquinamento”. Considerando il numero di dipendenti pubblici oggi in Italia pari a circa 3 milioni, se almeno il 20% acquistasse prodotti del territorio, con una spesa media all'anno per dipendente di circa 2 mila €/anno, si avrebbe un giro d'affari annuo pari a circa 1,2 miliardi di euro.

Forte e appassionata la testimonianza di Giulia Spanò, la cui azienda a dimensione familiare di Corigliano si è convertita al bio sin dal 1993 e per scelta è uscita dal circuito della grande distribuzione organizzata per entrare nel circuito virtuoso ed operare esclusivamente con i G.A.S..



Questo è un articolo pubblicato il 01-12-2016 alle 17:30 sul giornale del 02 dicembre 2016 - 349 letture