utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Mariani (PPO): 'crisi ed evasione a braccetto. Per far quadrare i conti agire sulle spese'

1' di lettura
467

Il Sindaco è scorretto se usa la lettera della Corte dei conti come pretesto per “vessare” gli osimani con altre tasse. Le tasse vanno certamente pagate da tutti, questo è sacrosanto. Ma il cittadino non può essere sempre maltrattato!

Il controllo effettuato dalla magistratura contabile evidenzia un basso indice di realizzazione delle riscossioni nell’anno 2013. Leggendo i documenti allegati al Rendiconto 2015 che dovremmo approvare sabato prossimo, la situazione non sembra migliorata.

Alcuni esempi: Per la tassa rifiuti, nel 2011 si è incassato l’82,73% delle bollette. Nel 2015 si è riscosso solo il 45,24%. Peggiora la situazione relativa alle sanzioni al codice della strada: nel 2011 si riusciva a riscuotere il 14,72% delle multe emesse, nel 2015 solo il 4,71%. Tasto dolente anche per le Refezioni scolastiche: nel 2011 si riusciva a riscuotere il 61,57% delle bollette , nel 2015 solo l’11,96%.

Di chi è la colpa? Degli uffici comunali? O della crisi che costringe i cittadini ad essere evasori? Forse entrambe! Quando la pressione fiscale aumenta e la crisi economica è sempre più evidente, l’evasione è una conseguenza scontata ed automatica. Se gli uffici comunali sono sguarniti di personale i controlli sono lenti e colpiscono sempre e solo le fasce più deboli, quelle che di solito pagano!

Comunque i bilanci pubblici non possono essere quadrati pensando sempre ad aumentare le entrate. I cittadini non ce la fanno più. Bisogna agire sulla spesa: ridurre in maniera consistente la spesa pubblica con meccanismi di razionalizzazione e controllo quantitativo/qualitativo. Non significa tagliare i servizi o la qualità dei servizi, significa tagliare le spese inutili e superflue.


ARGOMENTI

da Maria Grazia Mariani 
      Capogruppo Gruppo Misto Osimo




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-04-2016 alle 17:51 sul giornale del 28 aprile 2016 - 467 letture