Castelfidardo: il comune fidardense fra i più celeri d'Italia nei pagamenti

Comune di Castelfidardo 2' di lettura 27/01/2016 - Virtuoso due volte: per avere rispettato l’obbligo di comunicare i dati al MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze) e per la tempestività dei pagamenti. Quello che è sempre stato motivo di vanto per il Comune, ora viene ufficialmente sottolineato dal monitoraggio dei crediti commerciali verso le pubbliche amministrazioni realizzato e gestito dalla Ragioneria Generale dello Stato.

Nella speciale graduatoria dei 300 enti pubblici più solleciti nel saldare le fatture verso fornitori, Castelfidardo si colloca al 98° posto nazionale, primo Comune del territorio provinciale, secondo della regione dopo Pergola. In base alle informazioni registrate nella piattaforma nel periodo 1 luglio 1994 – 31 ottobre 2015, Castelfidardo ha infatti ricevuto 1.574 fatture per un totale di 3.043.095,33 €, saldandone l’80% in un tempo medio ponderato di 34 giorni dall’emissione.

Anche se la graduatoria non può ritenersi completa ed esaustiva dal momento che non tutti gli Enti sono attivi nella trasmissione dei dati, è significativo che le realtà marchigiane che vi sono rientrate siano: la Provincia di Ancona (19 giorni: la più rapida), Pergola, Castelfidardo, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente delle Marche (41 giorni per il 67% dei crediti), il Ministero dell’Interno sede di Pesaro, i Comuni di Fossombrone, Ancona (45 giorni per il 75% delle fatture), Recanati e Morrovalle. Il rispetto dei termini di pagamento è come noto un fattore cruciale per far “girare” l’economia tanto che lo stesso Ministero si sta attivando per promuoverne la riduzione.

“A onor del vero, in fase di approvazione del bilancio consuntivo abbiamo rilevato che il nostro Comune è in anticipo di quattordici giorni rispetto alla media delle scadenze – dice il sindaco Mirco Soprani -; ci fa comunque piacere che la nostra oculata gestione finanziaria improntata ai criteri di puntualità e rispetto degli impegni ci venga riconosciuta.

E’ un segnale di attenzione che abbiamo sempre voluto dare per non mettere in difficoltà le imprese, a maggior ragione in tempi di crisi e di tagli di cui lo stesso Comune ha sofferto ma che non ha mai voluto scaricare sui terzi e sugli utenti”.

Info su: http://www.mef.gov.it/focus/article_0012.html Area degli allegati Visualizza anteprima allegato pagamenti virtuosi.doc Word pagamenti virtuosi.doc






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2016 alle 21:41 sul giornale del 28 gennaio 2016 - 967 letture

In questo articolo si parla di economia, castelfidardo, Comune di Castelfidardo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/as1j





logoEV