utenti online

Liste Civiche: 'le assunzioni del comune raggiungono quota 101. Troppe'

2' di lettura 08/12/2015 - L’organizzazione interna del Comune registra un nuovo arrivo. Un comando dalla provincia di Ancona per un impiegato destinato a infoltire la lunga schiera di nuovi assunti che tra Comune e società varie supera ormai 101 unità in soli 18 mesi.

Non si tratta di immaginare che sono portatori di voti (semmai li fanno perdere i voti), quanto di verificare se il loro costo può rientrare nell’ambito delle spese sopportabili dal Comune e degli enti collegati.

A noi sembra che il peso che sta assumendo tutto il complesso del Comune sia inversamente proporzionale ai servizi resi in termini di inefficienza, oltretutto sottraendo il (poco) liquido disponibile per le necessità della comunità. La gara per (tutta) la sinistra in Osimo è quella di fare uno spettacolo dietro l’altro per dimostrare chi è più egualitario; feste senza fine per far ridere e cantare tutti così si dimenticano i guai e i problemi!!!

L’esempio più forte in tal senso, che copre ogni sorta di divisione politica, è data dalla mostra di Sgarbi, definita "impresentabile" perché avviata dalle liste civiche. Addirittura l'Altra Sinistra, con tanto di dichiarazione pubblica, aveva sostenuto che si sarebbe dovuti passare sopra la loro strenua resistenza per continuarla ed ora hanno "scambiato" l’assenso alla mostra, con qualche iniziativa fintamente eco solidale, organizzata da imprese che poco o nulla hanno a che fare con il mondo dell’artigianato e dell’equità solidale.

Il finto dissenso per poi spartirsi le feste è il metro di lavoro che vale anche per questioni importanti come l’ospedale e il PRG. Passi per le feste in sequenza (che durano lo spazio di un attimo e che lasciano solo il vuoto del carnevale che finisce), ma ritrovarsi con politici che dicono di battersi contro la Regione per l'ospedale e lo sviluppo del territorio e poi invece prendono dalla Regione ordini politici di tacere e sottomettere la città al momento opportuno, assomiglia al giogo che volutamente ci si mette al collo quando si è tanto deboli da non avere pensieri che non siano quelli del partito di riferimento. Noi avremmo evitato lo sfarzo delle iniziative che vediamo in città, ma avremmo cercato di aiutare le persone che non usano le mense e le case di riposo, perché non hanno soldi.


da Coordinatori Lista Civica Il Faro di Pesaro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-12-2015 alle 20:36 sul giornale del 09 dicembre 2015 - 595 letture

In questo articolo si parla di politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aroX





logoEV
logoEV