utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CRONACA
comunicato stampa

Bomba d'acqua: riaperte quasi tutte le strade. Il comune chiede lo stato di emergenza

2' di lettura
1605

Il Comune di Osimo, a seguito degli eventi alluvionali del 22 maggio 2015 che hanno determinato allagamenti, esondazioni, smottamenti, frane, per far fronte a tale emergenza, agli interventi di ripristino e messa in sicurezza delle infrastrutture viarie, e in considerazione dei danni che hanno subito i cittadini e le attività produttive, chiederà immediatamente al Presidente della Regione Marche la dichiarazione dello stato di emergenza.

I tecnici comunali sono al lavoro per valutare una stima dei danni. La situazione nella giornata di sabato è tornata quasi totalmente alla normalità. Tempestivo l’intervento dei vigili urbani, vigili del fuoco, croce rossa italiana e gruppo comunale di protezione civile che si è protratto fino a notte.

Il Sindaco come massimo responsabile di protezione civile ha presenziato e monitorato lo svolgersi degli avvenimenti presso il Coc di via molino mensa attivato nel tardo pomeriggio di ieri di concerto con l'Assessore ai lavori pubblici Cardinali, l'Assessore alla viabilità Gatto ed il consigliere comunale delegato alla protezione civile Andrea Catena. Già nel pomeriggio di ieri le frazioni di Campocavallo e San Biagio hanno subito allagamenti.

Chiuso il tratto provinciale di via Jesi zona rotatoria incrocio con via Saragat e via d'Ancona nel tratto distributore esso - incrocio con via Montegalluccio. C’è voluto il lavoro delle ruspe per arginare l’acqua che aveva causato smottamenti di terra. Momenti di preoccupazione intorno a mezzanotte quando il livello dell’acqua si era alzato, gli uomini della sicurezza a quel punto hanno deciso di chiudere il ponte in via Cagiata.

Interventi anche in via San Valentino, via Acquaviva, via Santo Stefano, via Rosciano, via Campoceraso, p.zzale Duilio Orsetti e via Pergolesi.Transennato, in zona Casenuove, il ponte in fondo a via Osteriola e in via Molino Guarnieri. Infine in via Fonte Magna si era formato un ristagno d’acqua poi prosciugato.

Nella mattinata di sbato il Sindaco, l'Assessore ai lavori pubblici con il dirigente del dipartimento del territorio ed il geometra dell'ufficio tecnico hanno effettuato un sopralluogo in tutte le zone più colpite e hanno contattato le aziende di fiducia per i lavori più urgenti. Un grazie al gruppo comunale di protezione civile che invece ha aiutato le famiglie nella pulizia del fango nei piazzali e nei garages.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2015 alle 16:02 sul giornale del 25 maggio 2015 - 1605 letture