utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Liste Civiche: 'irresponsabili gli aumenti nelle mense scolastiche imposti dalla giunta'

2' di lettura
602

Per Pugnaloni e la sua Giunta pare che la crisi economica e le difficoltà in cui versano le famiglie siano un falso problema, dal momento che stanno deliberando l’aumento della maggior parte dei servizi come quelli scolastici o legati ad interventi nel sociale.

Consigliamo di andare a leggere la delibera di Giunta da cui si può chiaramente vedere come la quota del singolo pasto sarà aumentata per tutte le famiglie che hanno un ISEE superiore ai 15 mila euro /anno, a partire dall’anno scolastico 2015/2016, con un aumento giornaliero che varia a seconda del reddito, fino ad 1 euro a pasto. Questo significa che per la maggior parte delle famiglie che ha figli in età scolare e che usufruisce della mensa, ci sarà un aumento annuo della mensa scolastica che va dai 50 ai 200 euro!

A completamento della manovra la Giunta Pugnaloni ha mantenuto la quota fissa mensile (21.88 euro), tanto contestata a noi delle civiche dal PD, che verrà pagata da tutti in misura uguale, indipendentemente dal reddito, a garanzia di un introito sicuro!

Purtroppo constatiamo che anche per la mensa, la manovra sociale in atto nell’anno scolastico che sta per concludersi e che era ancora una manovra della nostra amministrazione, sta per essere smantellata. Per Pugnaloni e la sua Giunta pare che la crisi economica e le difficoltà in cui versano le famiglie siano un falso problema, dal momento che stanno deliberando l’aumento della maggior parte dei servizi come quelli scolastici o legati ad interventi nel sociale.

Altro che riduzione delle tasse! Quella minima riduzione dell’ Irpef comunale per le persone che hanno un lavoro, si sta svelando un peso per tutte le famiglie (che potrebbero anche aver perso il lavoro) e che debbono pagare sempre di più i servizi offerti dal Comune.


ARGOMENTI

da Coordinatori Lista Civica Il Faro di Pesaro


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2015 alle 17:25 sul giornale del 19 maggio 2015 - 602 letture