utenti online

Liste Civiche: 'dietro la fretta chiudere il bilancio aumenti di tasse indiscriminati e approssimazione'

1' di lettura 14/05/2015 - Le bugie hanno sempre più le gambe corte. La fretta con cui il Sindaco e il Dirigente alle Finanze del Comune di Osimo lavorano alla definizione del bilancio, tradisce le scelte fatte in danno degli osimani. Scelte che vanno dall'aumento indiscriminato di tariffe di ogni genere, all’inasprimento a 360 gradi di imposte e tasse.

A ciò si aggiunga il goffo tentativo di mettere dentro lo sgangherato bilancio 2015 – chiuso solo grazie all'avanzo dell'Astea - la svendita del patrimonio delle società. Questa smodata fretta di chiudere porta poi l'amministrazione (e il PD) a lasciare per strada recenti cavalli di battaglia, come ad esempio l'alienazione dell'ex cinema Concerto, visto che il valore assegnato all’immobile è molto più basso rispetto alla sbandierata aspettativa di circa un milione di euro.

La fretta, infine, induce chi guida a livello partitico la città anche a imporre indirizzi non consoni alla spesa per il sociale, lasciando per strada servizi e strutture fondamentali per il sostegno agli osimani in difficoltà Per ultimo, rileviamo che ad un anno dalle elezioni comunali, il più grande impegno sbandierato dal PD di Osimo in campagna elettorale - la detassazione degli osimani grazie all'arrivo dei fondi europei - si è tramutato in un barzelletta: qualche posto di lavoro per chi doveva portare a Osimo i fondi europei… che nessuno ha mai visto! Così come nessun osimano ha visto la tanto decantata detassazione…


da Coordinatori Lista Civica Il Faro di Pesaro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-05-2015 alle 10:28 sul giornale del 15 maggio 2015 - 321 letture

In questo articolo si parla di politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ajoD





logoEV
logoEV