utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Rifondazione Comunista stigmatizza il ricorso in Cassazione della Regione sul biogas osimano

3' di lettura
590

In questi giorni, si sta scrivendo un altro nero capitolo della travagliata storia delle centrali a Biogas nelle Marche. Dal 2012 ad oggi i cittadini marchigiani ne hanno dovute vedere di tutti i colori: le evidenti forzature della normativa da parte della giunta “Spacca –PD” per favorire gli interessi speculativi, le indagini della magistratura, i dirigenti e i funzionari indagati.

Per fortuna tanti cittadini e tante amministrazioni locali non si sono arrese e, anche attraverso forti mobilitazioni, hanno ottenuto vittorie importanti e la chiusura di diversi impianti in tutta la regione. È il caso delle centrali di Osimo e Camerata Picena, per restare nella Provincia di Ancona, dove il Consiglio di Stato ha definitivamente annullato le rispettive autorizzazioni: per Spacca e la sua giunta una sconfitta su tutta la linea. Su tutta la vicenda c’era stata, almeno sembrava, anche l’autocritica dei massimi dirigenti regionali del Partito Democratico e dello stesso candidato presidente Ceriscioli.


Ma la dura realtà è ben diversa: proprio in questi giorni, per l’impianto di Osimo, la giunta regionale non soddisfatta di aver perso la causa al Consiglio di Stato, con i soldi pubblici, ricorre in Cassazione, minaccia il ricorso alla Corte Europea e lo fa contro le cittadine e i cittadini del locale comitato che invece devono tutelare i propri diritti tirando fuori i soldi di tasca!

E se tanto ci dà tanto ci dovremo aspettare a breve altro sperpero di denaro pubblico quando analogo ricorso giungerà, per quanto riguarda la Provincia di Ancona, anche a Camerata Picena, questa volta contro la stessa Amministrazione comunale.

Hanno sbagliato tutto, fanno finta di ammetterlo sperando che gli elettori dimentichino, ma intanto continuano a difendere gli interessi dei potenti e, con assoluta sfrontatezza, minacciano di far pagare i loro errori ai cittadini e alle amministrazioni comunali che hanno la sola colpa di non aver abbassato la testa! Quest'ultima mossa a fine mandato parla più di tanti discorsi elettorali, lancia messaggi trasversali ma soprattutto dice chiaro che il Partito Democratico e Spacca continuano a stare dalla stessa parte, quella dei potenti e degli interessi speculativi.

Ed oltre il “teatrino” delle odierne “baruffe” questa mossa prefigura lo scenario post elettorale che, di fatto, il PD sta preparando assieme e con suoi attuali (e futuri) alleati. Non è forse così caro candidato del PD Ceriscioli e caro Segretario del PD e consigliere regionale Comi? Non state forse in quella giunta che ha deciso quest'ultima prepotenza?

Sconfessate pubblicamente questa iniziativa dei vostri assessori, dei dirigenti al loro e al vostro servizio, non vi nascondete dietro inesistenti giustificazioni e tecnicismi. Impegnatevi formalmente a ritirare questo vostro ricorso e ad escluderne altri nei casi analoghi, altrimenti non resta che un giudizio: nulla è cambiato e nulla volete cambiare! E infine, il Sindaco Pugnaloni e la sua giunta su quest’ultima vicenda non hanno nulla da dire?



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2015 alle 22:41 sul giornale del 14 aprile 2015 - 590 letture