utenti online

Liste Civiche: 'sul centro storico la giunta Pugnaloni ha toccato il fondo'

1' di lettura 31/03/2015 - Con le manifestazioni di domenica nel centro storico l'amministrazione comunale ha evidenziato tutta la sua incapacità programmatica per il rilancio del centro storico. Il salotto cittadino ha registrato una pagina di bruttezza senza confini, con le bancarelle sparse (che peraltro non avevano nulla di mercatino di aziende agricole a vendita a kilometro zero).

Il caos della auto costrette a sfilare lungo il Corso Mazzini, la desolazione dei pochi presenti per la giornata dei giovani, l'assenza di una manifestazione degna dell'apertura della primavera. Un disastro che neppure il tentativo appositamente montato di mostrare la disponibilità a concertare manifestazioni future, riesce a coprire o far dimenticare.

Tutti si affrettano a inventare qualcos’altro per far divertire le persone, come se le attività commerciali (e non) si reggessero con la presenza di persone che ridono… e non sulla forza dell’attrattiva dello shopping, del turismo, dei locali…

A tanta superficialità si aggiunge la totale carenza di un progetto per i residenti del centro che invece di essere invitati a viverlo di più e meglio vengono calpestati nei loro pur minimi diritti. Non occorre migliorare l’arredo urbano per rilanciare il cuore di Osimo, occorre viceversa riqualificare tutta questa classe amministrativa che nella foga di marchiare a livello partitico una Città e il suo emblema, l'ha demolita in pochi mesi.

Occorre riprendere il percorso interrotto: mettere al centro l'attività amministrativa (e non la politica), confrontarsi con gli esercenti (e non con i soli rappresentanti sindacali e di consorzio), aiutarli economicamente (riducendo la pressione fiscale), incrementare la residenzialità nel centro…tutto esattamente come era prima di questo straziante capitolo di storia osimana. Il coordinamento






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2015 alle 17:50 sul giornale del 01 aprile 2015 - 878 letture

In questo articolo si parla di politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ahu8