utenti online

Basket DNC: 'la Robur si arrende alla capolista Ortona (72-79) dopo una partita combattuta

4' di lettura 15/12/2014 - La Robur si deve arrendere alla capolista Ortona. Al termine di una partita vibrante, maschia, combattuta, con dei fischi arbitrali al limite (e alcuni rivedibili) i ragazzi di coach Francioni si devono arrendere per 72-79 agli ospiti che si confermano rullo compressore di questo campionato. Match intenso fino all'ultimo con il mistero del fischio "fantasma" del finale che "regala" una tripla alla compagine di coach Sorgentone.

Ma andiamo con ordine. Primo quarto con i roburini che hanno una partenza soft e Ortona ne approfitta subito, scavando un solco con Munjic che si concretizza fino al +6 finale (13-19). Nella seconda frazione i roburini riducono i troppi sbandamenti difensivi dell'inizio e cominciano a bucare la retina con più frequenza, dopo essere arrivati al -8 (15-23 a 7' 49'' da giocare). Rodriguez e le due "bombe" filate del rientrante Cardellini mandano avanti la Robur che chiude sul 38-34.

Terzo quarto ancora di marca roburina con Ortona in affanno a trovare sbocchi a canestro mentre i ragazzi di coach Francioni tengono bene il campo, con Quaglia e Rossi che nel finale piazzano un mini break di 5-0 e mandano la Robur sul 55-48. Ultima frazione in cui succede di tutto. Munjic, maiuscola la sua prestazione, e le triple di Diomede e Gialloreto riportano avanti Ortona (57-58 a 7'53'' da giocare). Inizia un finale palpitante sul filo dell'equilibrio, ma Diomede quando manca un minuto alla fine trova il canestro del +4 (68-72). Tempo per provare a recuperare ci sarebbe, se non avvenisse il "fattaccio" che chiude la partita.

Palla in mano ad Ortona a meno di un minuto dalla fine, arriva un fischio e tutti i giocatori si fermano convinti che sia una chiamata arbitrale. Brown, lasciato solo mentre anche i suoi compagni si sono fermati, colpisce dall'arco dei 6.25 e gli arbitri convalidano, negando di fatto che il fischio sia arrivato da uno di loro. Veementi proteste della panchina osimana nei confronti dei signori Mattioli e Ciaralli, ma il duo arbitrale non torna sui suoi passi e convalida il canestro.

Di fatto il match si chiude qui e Ortona torna a casa con i due punti. "C'è tanto rammarico per la sconfitta odierna - esordisce coach Francioni - sicuramente una sconfitta più per loro meriti che per nostri demeriti. Hanno dimostrato, ma già lo sapevamo, che Ortona è una compagine completa e tosta. Nei primi cinque minuti del primo quarto non siamo andati troppo bene, con troppe soluzioni forzate e un pò di confusione in campo.

Poi siamo tornati noi e abbiamo spinto forte mettendoli in seria difficoltà. Nell'ultimo quarto ci hanno fatto tanto male con Gialloreto, che è salito in cattedra dimostrando di essere un giocatore super. Purtroppo abbiamo subito 29 punti in quella frazione, ma era difficile arginare i loro attacchi perchè provando diverse soluzioni in difesa riuscivano sempre a fare male. Inoltre abbiamo avuto qualche episodio sfortunato in attacco che ci ha penalizzato.

Comunque ho visto da parte dei miei ragazzi una prestazione gagliarda, in un match disputato ad alta intensità. C'è un pò di rammarico per non averla potuta affrontare a ranghi completi, ma ringrazio Cardellini per aver giocato quei minuti di qualità visto che ancora non è al top della condizione. Rimane un pò di amaro in bocca per il finale con il fischio "fantasma" che di fatto ha chiuso la partita, ma non voglio cercare alibi.

Onore a Ortona per la vittoria e ora pensiamo a noi stessi. Dobbiamo cercare di vincere le prossime due partite contro Matelica e Pesaro, in cui dovremo riscattarci per questa sconfitta e mettere in campo la giusta rabbia agonistica. Dobbiamo ripartire dai quarti centrali in cui abbiamo giocato bene e inoltre spero di avere il roster finalmente al completo, vista l'importanza delle prossime sfide. Infine vorrei ringraziare il pubblico accorso al palas - conclude Francioni - C'è stato veramente un bell'ambiente, con tanta gente e un tifo caldo come ai vecchi tempi, e questo sarà importante per il prosieguo della stagione per avere una spinta in più nelle gare casalinghe."

ROBUR OSIMO - BASKET ORTONA 72-79 (13-19; 25-15; 17-14; 17-29)

ROBUR OSIMO: Bakovic 13, Cardinali, Quaglia 15, Redolf 16, Rossi 11, Cunico 2, Cardellini 6, David ne, Rodriguez 7, Piloni 2. All. Francioni

WE'RE ORTONA: Di Carmine 10, Gialloreto 14, Brown 10, Diomede 12, Munjic 19, Musso 4, Leonzio ne, Agostinone ne, Gattesco ne, Comignani 8. All. Sorgentone

Arbitri: Ciaralli Geremia di Fermo e Mattioli Francesco di Potenza Picena (MC).






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-12-2014 alle 17:49 sul giornale del 16 dicembre 2014 - 423 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, osimo, spettacoli, robur basket

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/acZd





logoEV
logoEV