utenti online

Mariani (PPO): 'Astea nega l'accesso agli atti sulla tassa relativa allo smaltimento dei rifiuti

3' di lettura 04/11/2014 - Tutti gli osimani sanno che ASTEA SpA gestisce, per conto del Comune di Osimo, il servizio di smaltimento rifiuti e al contempo riscuote la Tassa rifiuti. Il 19 agosto scorso chiedevo all’Amministratore delegato/Presidente ASTEA SpA l’andamento delle spese e delle entrate nel 2013.

Il servizio costa alle tasche dei cittadini osimani circa 6 milioni di euro l’anno, una cifra significativa direi! Il dott. Berrè, AD/Presidente ASTEA ha impiegato due mesi per rispondermi con un NO. “ L’ASTEA non è ente dipendente dal Comune di Osimo” , si legge nella nota di risposta, e l’accesso agli atti è negato perché altrimenti si violerebbe la privacy e quindi il segreto industriale e aziendale.

Ma stiamo scherzando? Al dott. Berrè forse sfugge che le informazioni richieste sono circoscritte ad un servizio pubblico ed alla riscossione di una Tassa gestite da ASTEA per conto del Comune di Osimo! L’80% dei soci ASTEA è formato da Enti pubblici. Il Comune di Osimo è il maggior azionista con quasi il 40% e comunque finchè ASTEA impiega SOLDI PUBBLICI per lo svolgimento di servizi pubblici, resta assoggettata alle regole di buona amministrazione secondo il principio di legalità di cui all’art. 97 della Costituzione e non può sottrarsi alle regole di trasparenza dettate dalle recenti normative.

L’Amministratore Delegato ASTEA va nella direzione opposta di chi lo ha nominato, il Sindaco Pugnaloni del quale tutti ricordiamo il suo spot elettorale: TRASPARENZA, DIALOGO…. Ditemi voi dov’è la trasparenza se i cittadini osimani, per il tramite dei propri rappresentanti eletti (consiglieri comunali) non possono valutare la correttezza e l’efficacia della spesa dei danari pubblici!?!

Mi chiedo cosa ne pensa l’attuale Presidente del Consiglio, Paola Andreoni, che nelle passate legislature in qualità di consigliere di minoranza PD, ha sempre accusato le precedenti amministrazioni di comportamenti illegittimi quando le negavano l’accesso agli atti. Mi chiedo cosa ne pensa l’attuale Presidente del Consiglio Paola Andreoni che pochi mesi fa, marzo 2013, in qualità di Presidente del Gruppo PD, presentava all’ex Sindaco Simoncini una interrogazione proprio per conoscere i costi del servizio smaltimento rifiuti per l’anno 2013, ritendo gli eventuali aumenti non più sostenibili per le tasche dei cittadini e delle imprese osimane.

E’ una “strana” coincidenza: anche con il governo PD, non è possibile conoscere i costi dello smaltimento rifiuti! Ed è altrettanto curioso che nel 2014, con il nuovo governo PD, l’aumento del costo dei rifiuti si ripete e i cittadini osimani dovranno tirare fuori dalle proprie tasche 260 mila euro in più rispetto al 2013! Cambia il governo della Città, ma nulla cambia per i cittadini osimani! Ma io non mollo: ho segnalato al Prefetto la questione e mi riservo di far valere le ragioni esposte anche in altre sedi per gli eventuali illeciti penali e/o produttivi di danno erariale.


da Maria Grazia Mariani

Consigliere comunale - Popolari per Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-11-2014 alle 22:44 sul giornale del 05 novembre 2014 - 574 letture

In questo articolo si parla di politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aa3C





logoEV
logoEV