utenti online

Atletica: la Bracaccini presente nel cammino della Fiaccola della Fede da Assisi ad Osimo

3' di lettura 22/09/2014 - Quello della fiaccola della Fede è un evento culturale-religioso con il quale si è voluto ripercorrere idealmente il cammino che fece San Giuseppe da Copertino dal convento di Assisi, a quello di Pietrarubbia e Fossombrone per giungere a quello di Osimo nel 1657, dove visse fino alla sua morte.

Di questo itinerante cammino, come già fatto negli anni precedenti, la società “Atletica Amatori Osimo Bracaccini” ha provveduto all’organizzazione logistica dell’evento . Un gruppo di atleti- tedofori ed alcuni accompagnatori, partito sabato mattina alle ore 4,00, ha raggiunto la Basilica di San Francesco di Assisi alle prime luci dell’alba. Subito dopo la cerimonia di accensione e benedizione della Fiaccola, avvenuta presso la Cappella dell’altare inferiore, luogo dove sono custodite le spoglie mortali del Santo Francesco, alle ore 7,15 il gruppo è partito alla volta di Osimo.

I 15 staffettisti tedofori, che si sono intervallati durante il tragitto di 139 Km., Martini Sergio, Lorenzo Caprari, Sandro Quercetti, Alessandro Balzani, Paolo Falasconi, Alfredo Pasqualini, Corrado Campanelli, Mauro Gelli, Leo Antonio, Gianfranco Pesaresi, Renata Massera, Chiara D’Alonzo, Catena Franco, Mazzieri Doriano, Mirco Caprari, Lorenzo Lana, Falasconi Paolo, Pesaresi Gianfranco e Luca Marconi accompagnati da Luciano Ravaioli e Stabile Gaspare, sono stati scortati da pattuglie della Polizia Locale dei territori Comunali attraversati. Anche quest’anno “La Fiaccola della Fede”, ha attraversato territori Comunali Umbri di Assisi e Nocera Umbra e, valicando il Passo del Cornello posto a 818 m. sul livello del mare, sono entrati in territorio Marchigiano passando per Fiuminata, Pioraco, Castel Raimondo, San Severino Marche, Treia, Appignano Montefano, fino a raggiungere alle ore 18,05 il Santuario di Campocavallo.

Fatta una breve sosta presso il Santuario Mariano dove Padre Giuseppe ha impartito la Santa Benedizione è ripartita verso Osimo percorrendo un tratto della Via Cagiata vicino al luogo di un fatto storico religioso. In questa zona San Giuseppe da Copertino ebbe una delle oltre settanta levitazioni, quando nel rientrare al suo Convento, fermatosi a casa di un contadino, vide un grande fascio di luce salire verso il cielo, allora chiese cosa ci fosse in quella direzione. Alla risposta, nel sentir dire il nome di Loreto e della casa della Vergine Maria, emise un grido di gioia e dal ballatorio della casa di campagna volò verso l’alto, fino a fermarsi sopra un albero di mandorlo. Alle prime luci della sera il gruppo ha raggiunto il centro storico di Osimo, e lasciato la Fiaccola della Fede presso la tomba di San Giuseppe da Copertino.

Nella serata del giorno successivo, la Fiaccola della Pace, portata da un gruppo di atleti del Settore giovanile dell’Atletica Osimo Bracaccini, ha attraversato il centro cittadino animato dalle tante discipline sportive . La fiaccola è stata poi depositata nell’atrio del Palazzo Comunale, dove è stata presentata e discussa la manifestazione “Sport in Centro” dal primo cittadino Simone Pugnaloni dall’Assessore allo Sport Alex Andreoli e dai Presidenti del CONI Regionale Fabio Sturani e quello Provinciale Fabio Luna.


da Atletica Amatori Osimo Bracaccini





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2014 alle 12:31 sul giornale del 23 settembre 2014 - 448 letture

In questo articolo si parla di sport, atletica, osimo, amatori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/94h





logoEV
logoEV