utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

La Bordoni invoca il rispetto degli accordi sul plesso della 'Krueger' : 'il sindaco li rispetti'

2' di lettura
925

Nessun rispetto dell' accordo stipulato nel 2005 tra l'istituto comprensivo “Caio Giulio Cesare”e l' istituto comprensivo “Bruno da Osimo”, per la condivisione degli spazi assegnati al plesso della Krueger e nessun rispetto della delibera della Provincia del 2011 la quale ritiene valido l'accordo tra i due istituti ed invita l'amministrazione comunale al ripristino della situazione originaria.

E' quanto dichiara il prof Radicioni venerdì 29 agostoi in una riunione tenutasi presso la sede del Comune di Osimo alla presenza del Sindaco, del dirigente scolastico Cungiò e del Presidente del Consiglio di Istituto della Bruno da Osimo Monica Bordoni.

Sono basita, è difficile trovare una soluzione con chi invoca il non rispetto degli atti pubblici e soprattutto a farlo è un dirigente della Pubblica Amministrazione che in primis dovrebbe dare l'esempio del rispetto delle norme e delle regole, per di più sostenuto anche dal Sindaco. La questione è annosa e dobbiamo trovare una soluzione, esistono due atti ufficiali e al rispetto di quelli, il Consiglio di Istituto sarà irremovibile.

Il Sindaco ha rinviato la seduta al prossimo venerdì per trovare una soluzione condivisa. Per ora la proposta del Prof Radicioni e avvallata dal Sindaco, è la cessione di un'aula. Non siamo al mercato a contrattare un diritto che ci spetta e soprattutto un diritto riconosciuto da due atti ufficiali. Il ragazzi che frequentano il plesso della “Kruger” hanno gli stessi diritti di quelli della “Caio”.

Rinnovo pertanto l'invito al Sindaco e al Prof. Radicioni, al rispetto degli atti emessi dagli Enti Comunali e Provinciali alla luce delle nuove iscrizioni, nel rispetto di una programmazione scolastica e dei valori democratici volti alla crescita che entrambi e in pari dignità, gli istituti comprensivi devono garantire. Aspetteremo la convocazione del Sindaco la prossima settimana, dopo di che se le soluzioni non saranno coerenti con gli atti sopra citati, ci riteniamo liberi di agire di conseguenza.



da Monica Bordoni
     
Presidente Consiglio Istituto
      Bruno da Osimo 


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-08-2014 alle 18:39 sul giornale del 30 agosto 2014 - 925 letture