utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Liste Civiche: 'ridurre l'Irpef e insieme tutti gli altri tributi comunali è pura demagogia'

2' di lettura
629

Liste Civiche di Osimo
I nostri avversari sbandierano che ridurranno le aliquote Irpef, oltre tutte le altre tasse! Pura demagogia e modo spasmodico per accaparrarsi voti. Ma vediamo in modo preciso e dettagliato alcuni esempi per comprendere cosa significa ridurre a cuor leggero le tasse.

Oggi nel Comune di Osimo l’aliquota irpef non si paga per reddito inferiore a 10.000 euro e ogni punto percentuale porta ad un gettito di 400.000 euro. Che significa quindi?

Facciamo qualche esempio:

IRPEF 0,8 % (attuale aliquota, con soglia esenzione di 10.000 euro ), gettito per il Comune di circa 3 milioni di euro.

IRPEF 0,6% (con soglia esenzione di 10.000 euro), gettito per il Comune di circa 2,2 milioni di euro, mancano circa 800.000 euro dal bilancio.

IRPEF 0,4% (con soglia esenzione di 10.000 euro), gettito per il Comune di circa 1,5 milioni di euro, mancano 1,5 milioni di euro dal bilancio.

Si vuole applicare aliquote secondo scaglioni di reddito?

IRPEF 0,4% (con soglia esenzione di 10.000 euro) per redditi fino a 28.000 euro e IRPEF 0,8 % per i redditi superiori, gettito per il Comune 2, 2 milioni di euro, mancano circa 800.000 euro dal bilancio.

Questi sono solo alcuni esempi, ma non basta dire abbassiamo le tasse; bisogna dire dove prendere i soldi mancanti per mantenere i servizi oppure dire che si toglieranno dei servizi e che non si possono più sostenere.

Vuole il candidato avversario abbassare l’irpef , ma aumentare IMU, Tasi…. per coprire gli ammanchi o vuole il candidato a sindaco avversario tagliare gli asili nido, l’assistenza scolastica, l’assistenza agli anziani, far pagare il trasporto scolastico, aumentare il costo delle mense? Chiediamo chiarezza al candidato avversario, la gente ha diritto di avere informazioni serie e chiare!



Liste Civiche di Osimo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-06-2014 alle 15:31 sul giornale del 06 giugno 2014 - 629 letture