Demetrio ragiona a voce alta su l'eleziò...

3' di lettura 28/05/2014 - 'Adè ce pudumu pure ragionà, tantu urmai le carte s'enne viste e le briscule in te le mà enne poghe, forsi tre spartite in dò. Donca, me viè da pensà a quanno dicevo ai cumunisti che prima de muri lora avranne dovutu sterzà versu i demucristiani de mancina, pe capicce: quelli de Donat Accaten, Foschi, Goria, Zaccagnini...

Ecculi serviti, l'omo nou, Renzi, che nun 'enne mai stadu cumunista, l'ha fatti vegne. Altri mutui, altri ragionamenti ce pole esse ma tutto parte da chitta. Discoremu de casa nostra. La faccenna era già nota, mancaane soluda spaerti le parte, donca, se uno c'ha tuttu sottu cuntrollo, dall'acqua al fogo a l'aria, pole mette le faccenne cume je pare, se po da cull'altra ce metti che calchidu ha traditu pe pudè 'rpijà calche cò vistu (ce le sapremu 'rdì, state magiuli) che cull'amighi sua ea fattu cagnara, allò tutto torna.

Cul puro ragazzo cea da cumbatte pure drentu casa, cume pudea fa de più? Me viè pensadu però al sinnugu de Uffaggna ; chissà se èl parente sua l'ha fattu vudà? O forsi ha fattu cuntenti tutti? Forsi a lfi a 'rventu lu! Adè 'ndamu a su balluttaggiu, iu lu chiameria “sballuttaggiu” perché adè enne fadiga a 'rturnà a vudà, già erimi poghi prima, figuramece adè. Ce stanne quelli de le stelle che stanne 'ncazzadi ma nun polene discore perché nun è che nun volene, nun polene!.

Lora stanne messi male multubè, primu perché ce l'hanne e cell'eane cu Simuncì e adè cu Latini, segondu perché ce l'hanne pure cul PD. Ma a stu puntu me dumannu: “ cu fade cume cume quellu che pe fa dispettu a la moije s'enne taijadu....” La pulidiga ènne cume quannu se da da magnà ai porchi: in cumm'ènne ce se 'nzaccula! Pensu pure a tutti chi pori giunotti che credeane de 'ndà a gambià calche cò, de 'ndà a pijà el papa pe la barba, ma che se 'rtoeranne cume don falcucciu, saranne 'rmasti male e forsi calchidù ha pure persu calche amigu che nun la pensaa cume lu.

'Rmano sempre cunvintu che le liste civighe servene solo se c'hanne cuntatti cun calche cò de più consistente, se donca rmanemu sempre 'ntrà de no. Adè c'enne riadi i soldi pe le scole, per carità enne stati brai, ma bastaa dummannà! , forsi era meiju fallu puro prima e pe altre faccenne, nun ve pare? Eppò, 'nantra cosa, cume le faremu se scole e supratutto chi le farà? Sempre quelli (quelli del cementu, quelli dell'impianti, quelli.... quelli...) o magari famu na faccenna fatta bè che pole trapannigà e che tutti la pole capi? Anche su ste faccenne se capisce de che pasta enne fattu un sinnigu. Nun voiju pensà male magara, anzi, de siguro me sbaiju.. però fidate ma tiecce 'l gattu!

Fagu l'auguri a tutti e do, pensu che se nun me passa la sciadiga, sarà deficile che ce vagu. li la farmacia le pasticche se l'eane fenide e m'hanne dittu de rindacce.. ma se nun pussu caminà cume fago? Mi nipode? Te lu raccumannu, gni olta che lu chiamu me scambià sempre p'el bancumat: ” nonnu cu te bisogna.. te ce vagu io, damme i soldi...L'rvistu te. M'ha dittu per talefenu che era 'rmastu semza miscela e cu i quadrì ce l'ha cumprada, adè enne gido a Numana a trua 'namigu sua, quannu 'rvenirà su me girà in farmacia... i quadrì nonnu 'rprepalali!....'






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-05-2014 alle 18:03 sul giornale del 29 maggio 2014 - 1504 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, demetrio e piace a annacasertini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4X5