Andreoni: 'se ne va anche il Giudice di Pace. Paurosa retrocessione per Osimo'

2' di lettura 29/04/2014 - Non è di certo un mistero o una novità che la nostra città attraversa ormai da tempo una fase di agonia ed è svilente e preoccupante che questa amministrazione comunale non perda occasione per infliggerle ulteriori colpi fatali, questa volta è il turno della chiusura di un importante presidio di legalità: l’ufficio del giudice di pace .

Dopo ave perso il Tribunale, il ridimensionamento dei servizi offerti dall’Inps, mentre è sempre allarme per la possibilità che venga chiuso anche il commissariato di polizia, ora Osimo, deve fare i conti con un’altra brutta realtà: da domani, 29 aprile, chi vuole avere giustizia deve andare in Ancona. Una retrocessione in serie “dilettanti” per la nostra città che annienta il profilo di Osimo come città dei servizi e capitale della Val Musone ed un segnale evidente che la città non riesce a esprimere una politica capace di preservare gli interessi della comunità.

E’ assurdo come tutte le amministrazioni dei comuni italiani hanno lottato contro le chiusure dei giudici di pace e invece il nostro sindaco, senza battere ciglio ne ha avvalorato la chiusura. Osimo perde il giudice di pace perché l’amministrazione delle liste “Latini&Simoncini”non ha comunicato al Ministero il suo interesse a mantenere questo importante servizio sul territorio. Un danno per la città e per gli osimani ( anche in termini economici ) che da ora in poi per i ricorsi sulle sanzioni amministrative, per questioni legate a liti condominiali o a incidenti stradali, o per avere una semplice informazione o per richiedere l’intervento del giudice per conciliare piccole liti, dovranno andare in Ancona.

In definitiva Osimo con la perdita dell’ufficio del GdP perde non solo un importante istituzione ma anche la “faccia” . Ringrazio di cuore, infine, i due giudici di pace Benedetto Loiodice e Paola Belli, che in tutti questi anni hanno onorato con serietà e competenza questo importante ufficio giudiziario. Grazie a loro, l’Ufficio del Giudice di Pace di Osimo è assurto a livelli di considerazione altissimi, per la estrema professionalità e competenza, nonchè per il loro profondo senso di umanità e di disponibilità che li ha portati ad ascoltare i bisogni dei cittadini e a mettere sempre una parola buona per prevenire e comporre liti annose e devastanti nei rapporti interpersonali.


da Paola Andreoni
Presidente Consiglio Comunale Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-04-2014 alle 18:47 sul giornale del 30 aprile 2014 - 1975 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, partito democratico, paola andreoni, pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/3he