Runners osimani alla 34° Maratona di Londra

3' di lettura 25/04/2014 - Dalla maratona di Londra dei Giochi Olimpici del 1908, passata alla storia per la mancata vittoria del panettiere romagnolo Dorando Pietri, osannata il giorno dopo dal tabloid Inglese “Daily Mail” “…..La grande impresa dell’Italiano non potrà mai essere cancellata dagli archivi dello sport, qualunque possa essere la decisione dei giudici.”, a quella dei giorni nostri che si rappresenta oggi come una tra le più partecipate ed importanti maratone al mondo.

Anche quest’anno numeri da record per la maratona londinese che ha visto alla griglie di partenza oltre 45.000 runners con un parterre di campioni tra i migliori specialisti mondiali oggi in circolazione e con oltre 150 televisioni di paesi del mondo collegate.

Il caratteristico tracciato di gara, che si sviluppa tutto all’interno della City Londinese con la grandissima presenza di pubblico e il suggestivo arrivo posto di fronte a Buckingam Park, fanno della 34^ Edizione della Maratona di Londra “ la più grande di sempre”.

In questa stellare London Marathon 2014, si è imposto il Keniano Wilson Kipsang, primatista mondiale a Berlino nel 2013, che trionfa stabilendo il nuovo record della gara, mentre in campo femminile ha prevalso la campionessa mondiale Edna Kiplagat.

A questo imperdibile appuntamento non sono mancati due runner osimani, Narciso Giuliodori e Massimo Gentili dell’Atletica Amatori Osimo Bracaccini ed il loro amico Francesco Curina che dopo una lunghi e intensi allenamenti , finalizzati ad incrementare la resistenza fisica e mentale che questa impegnativa prova richiede, si sono presentati al via ognuno con propri obiettivi e aspirazioni.

Bella l’impresa quella realizzata da Narciso Giuliodori, un over 55 che a distanza di due anni dalla maratona di Berlino è riuscito a scendere sotto il muro delle tre ore, risultato questo che gli ha consentito di piazzarsi all’8° posto di categoria ottenuto su di una concorrenza altamente qualificata. Con questa sua prestazione ha dimostrato, soprattutto a se stesso, di saper interpretare una gara così difficile e impegnativa con la giusta concentrazione e carica agonistica.

L’obiettivo del suo compagno di allenamenti Massimo Gentili era quello di migliorare il suo personale, ottenuto nel 2010 nella Maratona di New York. La sua accorta condotta di gara e una saggia distribuzione delle sue forze, gli hanno permesso oltre che scendere sotto il suo personale di oltre 10 minuti, di provare quelle emozioni e forti sensazioni che solo questa gara possono dare.

Il plurimaratoneta Francesco Curina, il Calcaterra fidardense, un runner che privilegia la quantità di queste lunghe distanze che nel suo palmares annovera la partecipazione alle più prestigiose e famose maratone al mondo, ha portato a termine la gara londinese con il tempo di 3 ore e 13 minuti . Per Francesco affrontare una gara impegnativa come la maratona, è stato e rimane ancor oggi una sfida affascinante che con il passare del tempo è diventata la cosa più naturale del mondo.

Altro prossimo appuntamento con gare Internazionali, per il gruppo Bracaccini sarà il 18 Maggio con la partecipazione alla Maratona Lettone di Riga , città questa, considerata dall’agenzia “USA Today Travel” tra le dieci città più belle d’Europa, che per il 2014 sarà la Capitale Europea della cultura. A questa importante trasferta turistico sportiva, organizzata e pianificata dalla Società Osimana vi prenderanno parte un nutrito gruppo di atleti, accompagnatori e simpatizzanti.


da Atletica Amatori Osimo Bracaccini





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-04-2014 alle 19:33 sul giornale del 26 aprile 2014 - 693 letture

In questo articolo si parla di sport, atletica, osimo, amatori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/27D





logoEV
logoEV