Basket: la Robur cede solo nel finale con Livorno: 71-73

3' di lettura 08/04/2014 - La Robur si vede soffiare la vittoria all’ultimo. Nonostante una grande prestazione, con grande grinta e cuore in una partita intensa, alla fine i ragazzi di coach Francioni devono arrendersi per 71-73 alla Liburnia Livorno.

Una sconfitta che vede scivolare i roburini momentaneamente in quarta piazza, con Matelica e Fucecchio appaiate a trenta punti. Servirà una grande Robur, come si è vista tante volte in questa annata, per la super sfida contro Monsummano. Primo quarto con i padroni di casa svagati in difesa e poco precisi in attacco.

I livornesi ne approfittano e scappano fino al +9 (8-17 a 3’51’’) ma i ragazzi di coach Francioni sono un diesel e dopo aver ingranato impattano sul 17-17 (break di 9-0) per poi chiudere sul 17-21. Stessa storia nella seconda frazione, con la Liburnia che trova spesso canestri dall’arco dei 6,25 e ritorna in avanti (18-26 a 6’08’’) ma la Robur si rifà sotto e solo il canestro finale di Dell’Agnello manda al riposo lungo le squadre sul 33-36. I roburini tornano dagli spogliatoi e devono di nuovo rincorrere (44-51 a 4’40’’) ma il maxi break di 12-2 fa chiudere in avanti ai ragazzi di coach Francioni il terzo quarto.

Finale di partita al cardiopalma. La Robur sembra poter allungare (61-55 a 8’06’’) ma è solo un’illusione perché Livorno torna sotto e si procede sul filo dell’equilibrio fino all’ultimo concitato minuto. Monticelli trova la tripla del pareggio (71-71) ma i roburini sbagliano due ghiotte occasioni con Scrima e Graciotti. Orsini trova il canestro del vantaggio (71-73) con 20’’ da giocare. Gli ospiti rinunciano al fallo sistematico ma l’ultimo tiro di Graciotti non entra. Finisce 71-73.

“Dispiace perdere nel finale” – ha commentato coach Francesco Francioni – “Loro sono partiti subito forte tirando anche bene. Noi abbiamo sbagliato qualcosina e quando eravamo avanti sembrava che la partita potesse cambiare invece Livorno ha trovato canestri importanti. Tuttavia eravamo in una situazione d’emergenza. Fuori Valentini, David con la febbre e Mancinelli sempre non al meglio. Mettiamoci pure qualche chiamata arbitrale discutibile ma non voglio cercare alibi. Comunque onore a Livorno che ha meritato.”

Adesso ci si dovrà giocare tutto a Monsummano. “Esatto, servirà un’impresa ma ce la metteremo tutta. Arrivare 6° sarebbe una beffa atroce. Questi ragazzi non lo meriterebbero per il grande campionato disputato finora. Siamo andati oltre ogni più rosea aspettativa e posso fare solamente i complimenti ai miei giocatori per la grande stagione. Certo, eravamo partiti per salvarci, anche se arrivassimo 6° saremmo sempre nei play-off. Tuttavia senza la penalizzazione ci saremmo trovati a gestire un finale di stagione diverso, invece ci dovremmo giocare tutto a Monsummano. Comunque non è finita – ha concluso il coach roburino – e cercheremo l’impresa.”

ROBUR OSIMO – LIBURNIA LIVORNO 71-73 (17-21, 16-15, 23-17, 15-20)

ROBUR BASKET: Belli ne, Mosca 3, Cardellini 16, Monticelli 24, Mancinelli 8, Scrima 9, Graciotti Y. 2, Di Maggio, David 9, Graciotti R. ne All. Francioni

LIBURNIA LIVORNO: Orsini 9, Rizzacasa 4, Stolfi 16, Sidoti 12, Benini 8, Dell’Agnello G. 10, Tellini, Mori, Dell’Agnello T. 12 All. Pardini

Arbitri: Pazzaglini Marco di Pesaro e Uncini Francesco di Jesi (AN) G.S. Robur Basket






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2014 alle 16:01 sul giornale del 09 aprile 2014 - 347 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, osimo, robur basket

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/2ee





logoEV