utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Co-progettare la città: il contributo di M5S

4' di lettura
1028

“Ho visto cose che voi umani non potreste neanche immaginare…”, avrebbe esclamato il protagonista di Blade Runner se anche lui avesse partecipato all’assemblea cittadina di co-progettazione del Mercato delle Erbe, Cinema Concerto e Campetto dei Frati organizzato domenica 2 marzo dal G.A.S. Osimo, ConcertAzione, Bioars ed altre associazioni osimane.

A parte la battuta cinematografica, noi del Movimento 5 Stelle siamo stati davvero contenti e soddisfatti di aver partecipato numerosi a questa assemblea, che ha di fatto concretizzato uno dei principi fondamentali del nostro Movimento: la partecipazione democratica dei cittadini alle cosa pubblica. Nell’assemblea si respirava un’aria speciale, un’armonia costruttiva tra tutti i partecipanti, che hanno offerto spunti molto creativi, a testimonianza del fatto che l’incontro di esperienze ed idee diverse genera sempre momenti propositivi e fecondi.

Per questo ci sentiamo di esprimere un sentito ringraziamento a Sergio Foria, instancabile ideatore ed organizzatore di questo evento, in cui ha creduto molto fin dal primo momento. I lavori sono stati suddivisi in tre gruppi che affrontavano i tre argomenti:

- Per il Campetto dei Frati e tutto il lato nord delle mura si è immaginato un progetto di valorizzazione dell’immenso patrimonio naturalistico ed archeologico presente in quella zona (tanti osimani ne sono ignari), integrando un percorso pedonale/ciclabile in mezzo al verde ideato da una concittadina che unisce le quattro fonti situate in quella zona (Fonte Monte Cesa, Fonte Magna, Fonte Bernini e Fonte del Guazzatore), con la creazione di un parco urbano a vocazione naturalistico/archeologica che comprenda il Campetto dei Frati, gli ingressi delle Grotte (oggi chiusi) che accedono al centro storico e il già esistente parco naturalistico di Via Bernini.

- Per il Mercato delle Erbe si è pensato ad una suddivisione in due parti in modo da affiancare al mercato tradizionale, il mercato dei prodotti a km zero, biologici e delle tipicità locali di alta qualità. Nei locali dell’ex-ristorante macrobiotico, aprire uno spazio “cucine aperte” o un “social restaurant”. Inoltre, magari attraverso l’istallazione di soppalchi, creare degli spazi aperti con il wi-fi libero da utilizzare quali punti di incontro e di lavoro, dove si possa consumare in loco godendo della vista della vivacità del mercato che continua il suo brulichio quotidiano.

Negli orari pomeridiani e serali sarà il turno delle botteghe di artigianato tradizionale e anche dei laboratori tecnologici e d’innovazione (start-up per i giovani). Nei weekend invece, si potranno organizzare eventi dedicati e spazi interculturali. infine per il Cinema Concerto, (che contiene diversi altri locali oltre la sala cinema), l’idea di fondo è quella di inaugurarvi una Casa delle Arti e delle Culture co-gestita da varie associazioni (che si occupano di arte, musica, teatro, ambiente, diritti civili, ecc.) da utilizzare per conferenze, corsi di formazione, laboratori, concerti, proiezioni di film, spettacoli teatrali. All’interno postazioni internet, una sala prove per le band locali, una sala lettura per anziani e un bar, sono state le proposte al momento più gettonate.

Che dire? Questo esperimento, che è solo il primo passo di un lungo percorso, ci ha dimostrato che la democrazia partecipata è un processo creativo e rivoluzionario che porta inevitabilmente a scegliere le strategie più giuste per il bene della comunità. Questi processi democratici, ne siamo sicuri, ridisegneranno nel prossimo futuro il modo di vivere la città da parte degli osimani. Non si fanno solo chiacchiere in queste assemblee: infatti le decisioni prese dovranno poi essere recepite e concretizzate dalle Istituzioni (il Comune in primis).

Il bello di tutto questo però non sarà soltanto l’obiettivo finale che sicuramente raggiungeremo, ma il cammino democratico che noi cittadini avremo percorso per raggiungere questo obiettivo, in cui avremo condiviso la gioia di riscoprire il senso di una comunità che lavora senza secondi fini per il bene comune, contro l’attuale modello di società spersonalizzante, che ci vorrebbe tutti succubi ed impauriti, consumatori avidi chiusi nell’egoismo di noi stessi e quindi pedine perfette imprigionate dalle catene di un sistema globale sempre più disumano.

Il MoVimento 5 Stelle Osimo favorirà comunque in tutti i modi la realizzazione del progetto finale che scaturirà da questo processo democratico e partecipato e si adopererà per creare altri eventi partecipativi finalizzati alla soluzione dei problemi dei cittadini.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2014 alle 17:38 sul giornale del 10 marzo 2014 - 1028 letture