utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Scuola-lavoro: in un convegno le ricette di Pugnaloni per Osimo

2' di lettura
2259

Grande partecipazione al convegno sul tema “scuola-lavoro, Osimo Innova” organizzato dal candidato Sindaco del PD Simone Pugnaloni. Grazie al contributo di relatori di spessore come l’Assessore Regionale all’istruzione e formazione Marco Lucchetti, alla deputata PD Irene Manzi e al segretario cittadino Fabio Marchetti si è affrontato un argomento di attualità e risalto a livello nazionale.

Lucchetti ha posto l’accento sull’importanza della pianificazione e formazione scolastica, snocciolando numeri sul territorio regionale che vanta 1147 plessi scolastici per 220 mila ragazzi e 30 mila addetti ai lavori. L’Assessore Regionale ha spiegato come aumentare l’offerta finalizzata alla crescita culturale in Osimo e non solo, la realizzazione di un vero e proprio polo scolastico formato da docenti e dirigenti, dunque favorire concretamente l’alternanza con il lavoro in virtù di ore di formazione trascorse all’interno delle aziende che spesso hanno determinato assunzioni.

L’on. Manzi, che opera in commissione istruzione e cultura, ha sottolineato l’attenzione del neo Premier Renzi alla sicurezza degli edifici scolastici spesso inadeguati, la centralità delle borse studio e la bontà del progetto Torre finalizzato all’orientamento dei giovani a sviluppare professionalità per il mondo del lavoro. L’istruzione, formazione e attività lavorativa capisaldi del centro sinistra per il segretario Marchetti che ha parlato anche in veste di genitore di tre figli. Intervento conclusivo e accorato di Pugnaloni che ha garantito in prima persona una svolta e un’inversione di tendenza dalla fuga di giovani osimani che sono costretti a frequentare scuole di città limitrofe.

Impegni concreti come ubicare all'ex Corridoni un liceo linguistico, lingue straniere per sentirsi cittadini d'europa,cittadini drl mondo; il corso al centro per rivitalizzare il centro storico e poi l'ubicazione ad osimo di un ITS, un istituto tecnico superiore di alta specializazione post-diploma di durata biennale finanziato dalla regione e dalle aziende del luogo, esempio Valmusone del distretto della Meccanotronica che prevede un anno di scuola, anche con stages all'estero ed un anno all'interno dell'azienda..

Novita' invece lanciata da Pugnaloni e' la formazione duale, a Luchetti verra' richiesto di sperimentare una classe dove gli studenti per 3 gg alla settimana studiano a tempo pieno e altri 2/3 vengono inseriti in azienda con un approccio immediato al lavoro. Chissa' che spesso lo studente diventera' lavoratore, questo e' l'auspicio sperimentato in altre realta'. Infine se nel dopoguerra e' stata la cooperazione a rilanciare l'economia, perche' non agevolare giovani, disoccupati o giovani e non in cassaintegrazione o mobilita' in cooperative per favorire le loro professionalita' od idee, il comune fara' la sua parte.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2014 alle 16:12 sul giornale del 04 marzo 2014 - 2259 letture