utenti online

I commercianti dorici a Roma per difendere le Pmi. Polacco: 'vogliamo un futuro per il nostro sistema economico'

2' di lettura 20/02/2014 - "Abbiamo portato le ragioni del Commercio, dei Servizi e del Turismo in piazza a Roma per rivendicare il futuro del nostro sistema economico". E' il commento soddisfatto del direttore di Confcommercio Imprese per l'Italia Provincia di Ancona Massimiliano Polacco che martedì ha guidato la delegazione provinciale a Roma, una delle più numerose presenti, alla manifestazione 'Senza Impresa non c'è Italia.

Riprendiamoci il futuro'. Si è trattato di una protesta civile ma decisa da parte delle PMI che hanno fatto sentire la loro voce al Governo per chiedere una decisa inversione di rotta sulla politica economica a sostegno delle Imprese: "Eravamo una delle delegazioni più numerose – continua Polacco –. Abbiamo portato molti imprenditori in piazza ed abbiamo organizzato ben cinque pullman di cui quattro lungo la direttrice sud e uno lungo la direttrice nord".

Un successone dunque per Confcommercio e per i settori di riferimento e cioè il Commercio, il Turismo e i Servizi. Quella di martedì è stata un’occasione importantissima per far sentire la voce delle Imprese del Commercio, del Turismo, e dei Servizi che hanno portato in piazza le ragioni di un disagio sempre più evidente. Quella del Terziario è stata una presenza determinante ai fini della riuscita dell’evento che ha registrato la presenza di più di 60 mila partecipanti.

Confcommercio Imprese per l’Italia Provincia di Ancona ha anche chiuso gli uffici portando in piazza i propri dipendenti che hanno condiviso e sostenuto con gli imprenditori le ragioni della protesta. L’onda bianca dei commercianti è stata la testimonianza della forte risposta che c’è stata da parte delle Imprese anche per questo Confcommercio ringrazia tutti gli imprenditori intervenuti pronti ad alzare la voce e a rappresentare, assieme a Confcommercio, anche quegli operatori del settore che per vari motivi non hanno preso parte alla manifestazione. Confcommercio ha rivendicato per le Imprese una minore pressione fiscale, meno burocrazia e un’attenzione ritrovata, e tangibile, ai temi del commercio con l’obiettivo di far ripartire i consumi.








Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 20-02-2014 alle 15:28 sul giornale del 21 febbraio 2014 - 413 letture

In questo articolo si parla di economia, confcommercio, ancona, confcommercio ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/YNg





logoEV
logoEV