M5S: 'No alla svendita di Mercato delle Erbe, Cinema Concerto e Campetto dei Frati'

3' di lettura 13/01/2014 - Il Movimento 5 Stelle si oppone al progetto di (s)vendita del Mercato delle Erbe, Cinema Concerto e Campetto dei Frati. Il Comune di Osimo con Delibera C.C. n. 64 del 29/8/2012 e con il Bando n. 3861 del 13/12/2012 ha messo in vendita il Mercato coperto, tutti i locali dell’ex Cinema Concerto e il Campetto dei Frati al prezzo di 2.080.000 euro (mercato e cinema) e 250.000 euro (campetto).

Senza entrare nel merito della congruità degli importi e delle condizioni, alquanto discutibili, fissate dal bando per la vendita di tali beni, il M5S si dichiara assolutamente contrario all’alienazione dei suddetti beni per i seguenti motivi: il Mercato dell’erbe e i locali dell’ex Cinema Concerto rappresentano dei luoghi pubblici simbolo della città con un valore storico e sociale insostituibili. Questi luoghi dovrebbero essere utilizzati e restituiti alla comunità.

Ci sono numerose proposte e progetti presentati da diverse associazioni, prima fra tutte ConcertAzione, che prevedono l’utilizzo dei locali dell’ex Cinema come “Casa delle Culture”, sala cinematografica digitalizzata, centro di aggregazione per le associazioni osimane, sede dei gruppi di acquisto, coop. Sociali, volontariato, laboratori antichi mestieri, laboratori cucina ed educazione alimentare, ristorante bio, social restaurant, ecc. Il Mercato dell’erbe dovrebbe essere ristrutturato e potenziato facilitando la partecipazione degli agricoltori bio e km 0, inserendo nella gestione i gruppi di acquisto solidali quali promotori di iniziative e attività collaterali.

Il Campetto dei frati oltre ad avere vincoli di natura paesaggistica ed archeologica, ubicato vicino un sito archeologico importantissimo per la Città di Osimo, quale Fonte Magna, merita la dovuta considerazione in quanto è una bellissima zona verde in prossimità del centro cittadino e di fatto potrebbe essere utilizzata per progetti ecologici e culturali. La notizia degli ultimi giorni che ci sarebbe un soggetto interessato all’acquisto del Mercato dell’erbe per realizzarci un mini market a km 0 (?) rappresenta l’ennesima prova di speculazione edilizia a vantaggio dei soliti noti e a danno dell’intera comunità e delle piccole attività ancora presenti sul territorio già gravemente penalizzate dalla presenza dei supermercati e centri commerciali.

La comunità chiede a gran voce che il Comune di Osimo rivolga lo sguardo ai problemi della piccola impresa, commerciale e produttiva, e alla rivalorizzazione anche produttiva del centro storico, abbandonando una volta per tutte quelle visioni particolaristiche e clientelari tipiche del fare della vecchia e obsoleta politica. Per questo il Movimento 5 Stelle Osimo invita la popolazione a riprendersi i propri spazi e viverli come ambienti progettati e costruiti in funzione delle relazioni interpersonali e non delle speculazioni edilizie e finanziarie. Questa prospettiva diventerà realtà solo nel momento in cui ogni persona deciderà di partecipare attivamente e consapevolmente al cambiamento reale del modo di intendere la vita pubblica, affrancandosi dalla logica della delega politico-partitica, che, negli ultimi decenni, è stata una tra le principali cause del disastro politico, economico, culturale e morale in cui è ripiegata oggi l’Italia tutta.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-01-2014 alle 18:12 sul giornale del 14 gennaio 2014 - 3009 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, Movimento 5 Stelle, Movimento 5 Stelle Osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/W2T





logoEV