utenti online

Snoq: 'Il tentato omicidio di Osimo figlio di una cultura della donna riduttiva e superata'

1' di lettura 24/08/2013 - Il tentato omicidio avvenuto ad Osimo il 22 agosto poteva tragicamente trasformarsi nell’ennesimo femminicidio, andando ad aumentare i raccapriccianti dati numerici di questi ultimi anni. L’omicidio da parte di mariti, fidanzati, conviventi, padri è la prima causa di morte per le donne fra i 16 e i 44 anni in Europa e ne l mondo.

Spesso le donne vittime avevano denunciato i loro persecutori ma non hanno ottenuto ascolto e protezione. I media spesso presentano i casi di femmicidio come frutto di delitti passionali, di un’azione improvvisa ed imprevedibile di uomini vittime di raptus e follia omicida.

In realtà questi sono l’epilogo di un crescendo di violenza a senso unico e generalmente sono causati da un’incapacità di accettare le separazioni, da gelosie, da un sentimento di orgoglio ferito, dalla volontà di vendetta e punizione nei confronti di una donna che ha trasgredito a un modello comportamentale tradizionale. Un ruolo che in Italia è ancora relegato a quello di madre e moglie, oppure di oggetto del desiderio sessuale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-08-2013 alle 11:09 sul giornale del 26 agosto 2013 - 872 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, tentato omicidio, donna, Se non ora quando, femminicidio, SNOQ, SNOQ Osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/QXk





logoEV
logoEV