utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Pellegrini (Pd): 'Il Comune incoerente e in pieno conflitto di interessi sulla vicenda del tribunale'

2' di lettura
2291

Come è notorio, recenti interventi normativi hanno disposto la chiusura delle sezioni distaccate di Tribunale, che solo nella Provincia di Ancona sono quattro: oltre a Osimo, ve ne sono infatti a Jesi, Fabriano e Senigallia.

Poco meno di un paio di mesi fa, circa quaranta avvocati che hanno il proprio studio legale nei comuni ricompresi nel circondario della sezione distaccata di Osimo, hanno proposto, a proprie spese, ricorso al Tar Marche contro un provvedimento del presidente del Tribunale di Ancona che, di fatto, anticipava la chiusura della sezione osimana. Sebbene fosse auspicato quanto meno un intervento 'ad adiuvandum' nel ricorso da parte del Comune di Osimo, l'Amministrazione comunale è rimasta invece totalmente inerte.

La cosa grottesca è che ora l'Amministrazione comunale di Osimo, con delibera di Giunta n. 150 del 30 maggio 2013, ha deciso di intervenire 'ad adiuvandum' del ricorso presentato dal Comune e dagli avvocati del foro jesino! Insomma, in parole più piane, l'Amministrazione comunale non è intervenuta a sostegno degli avvocati di Osimo, ma ha deciso però di intervenire ad adiuvandum in favore degli avvocati e del Comune di Jesi.

Ma non è tutto. La delibera contiene anche un grande spot pubblicitario per il consigliere comunale e regionale Avv. Latini. Si legge infatti nella delibera che lo stesso Avv. Latini si è proposto di patrocinare gratuitamente il Comune di Osimo nel predetto ricorso. Vorremmo far notare all'Amministrazione comunale che lo Statuto del Comune di Osimo prevede espressamente che 'al Sindaco, al Vice Sindaco, agli Assessori ed ai Consiglieri Comunali è vietato ricoprire incarichi ed assumere consulenze, anche a titolo gratuito, presso il Comune, nonché presso enti, aziende ed istituzioni dipendenti o comunque sottoposti al controllo ed alla vigilanza dello stesso'.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-06-2013 alle 22:38 sul giornale del 06 giugno 2013 - 2291 letture