utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ECONOMIA
comunicato stampa

Attualità del microcredito nel convegno promosso da Caritas Diocesana e Bcc Filottrano

2' di lettura
1495

La Caritas diocesana Ancona-Osimo di concerto con la Banca di Credito Cooperativo di Filottrano ha tenuto, presso il Teatrino Campana di Osimo, un convegno dal titolo: “Il frutto della solidarietà – 5 anni di microcredito”.

Alla relazione del presidente della BCC di Filottrano, Saraceni che ha illustrato il progetto nei suoi aspetti essenziali, sono seguiti altri interventi tra i quali quello del direttore della Caritas don Flavio Ricci e dell’Arcivescovo mons. Menichelli che ha sottolineato l’importanza di questa intuizione della BCC e della Caritas di mettere in campo la possibilità di erogare piccole somme per creare ragioni nuove di speranza e di vita. Mons. Arcivescovo ha sottolineato l’importanza di ritornare a dare “sacralità” al denaro nel senso che esso venga impiegato per cose necessarie e non per il superfluo e che non è l’impossibilità di acquistare il superfluo che determina la povertà.

Tra gli altri interventi segnaliamo quello di Alessandro Andreoli della BCC e di Simone Breccia della Caritas. Andreoli ha affermato che è insegnando al povero di risparmiare che esso può uscire dalle condizioni di povertà. Potrebbe sembrare anacronistico, eppure il risparmio è un elemento essenziale, per tutti per uscire da condizioni di povertà perché insegna la sobrietà e il valore del denaro.

Simone Breccia ha informato sui dati essenziali del progetto di microcredito nei cinque anni di attività: 79 pratiche, 190.800 euro erogati per una media di 2.486,27 euro per intervento, con una sola pratica in sofferenza (249,19 euro) e 7 in perdita (5.884,14 euro). La durata media dei crediti concessi è stata di 47 mesi.

Otto pratiche hanno riguardato la richiesta di liquidità, 24 per pagamento bollette, 14 per affitto e 33 per beni strumentali. Di queste 42 hanno riguardato Ancona, 10 Osimo, 3 Falconara, 2 Castelfidardo, 1 Sirolo. Il 37,90% dei beneficiari sono italiani, il 13,6% rumeni, il 6,1% tunisini e poi ucraini, serbi, peruviani ecc. Degli 871.143,23 euro raccolti dalla BCC nel più ampio progetto di Ethical Banking ne sono stati impiegati 695.171,00 di cui 190.800 per progetti di microcredito della Caritas, come abbiamo già detto, e il resto per diversi progetti presentati da parrocchie e da cooperative sociali. Ha concluso i lavori il prof. Alberto Niccoli che si è soffermato sugli aspetti sociali del credito solidale.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2013 alle 18:19 sul giornale del 20 maggio 2013 - 1495 letture