Judo: il Sakura in evidenza al 15° Trofeo internazionale 'Città di L'Aquila'

3' di lettura 17/05/2013 - In una cornice stupenda quale è il palasport della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza della frazione Coppito, si è svolto il 15° Trofeo Internazionale “Città di L’Aquila” – 9° Memorial Brig. Augusto Desideri, appuntamento tra i più prestigiosi nel contesto judoistico nazionale.

Ogni anno, infatti, il capoluogo abruzzese ospita i migliori club italiani di judo: il sabato come torneo privato per le classi Juniores-Seniores (valevole per il Gran Premio I e II Dan) e Cadetti; la domenica come tappa del “Trofeo Italia” Esordienti B (gara federale a punteggio). Sabato 11 maggio 2013 il Sakura Osimo ha schierato dieci atleti, mentre domenica 12 ha partecipato con due Esordienti B. In una competizione così difficile e partecipata, il nostro obiettivo era semplicemente quello di far bene, senza troppe pretese di podio.

Eppure, questa volta i nostri judoka hanno fatto molto di più, conquistando una onorabile tripletta di medaglie e soprattutto ben figurando tra i colleghi delle società più blasonate del judo in Italia. I tre atleti del Sakura che sono saliti sul podio sono Priscilla Quattrini, Michelangelo Mezzelani e Stefano Di Renzo Mannino (nella foto).

Nella categoria femminile al limite dei 52 kg fino a cintura marrone, la Juniores Priscilla Quattrini si è imposta per ippon a terra in tutti e tre gli incontri disputati, battendo anche atlete “più anziane” di lei; così si è aggiudicata il 1° posto su sette atlete iscritte nella sua categoria e la medaglia d’oro. Nella stessa giornata, Michelangelo Mezzelani (Cad -66 kg) si è fermato al 3° posto su trentotto atleti in categoria, al termine di una gara che lo ha visto prevalere per ben cinque volte e perdere soltanto in un’occasione (tra l’altro su un suo errore tecnico). Domenica invece Stefano Di Renzo Mannino (EsB -66 kg) ha vinto quattro incontri (di cui tre per ippon e uno per un vantaggio di yuko) prima di cedere al suo avversario in una fase a terra della finale; per lui 2° posto su ventotto atleti partecipanti e punti preziosi conquistati per la classifica del Trofeo Italia.

Nulla di fatto invece per Damiano Quattrini (Jun/Sen -60 kg cinture marroni), Loris Taffi (Jun/Sen -81 kg cinture marroni), Federico Sabbatini (Jun/Sen -81 kg cinture nere), Francesco Angeletti (Jun/Sen -90 kg cinture nere) e Matias Marzocchi (EsB -60 kg), i quali hanno perso gli incontri disputati, ma non hanno certo sfigurato con i loro avversari. Walter Lasca (Jun/Sen -73 kg cinture nere) ha vinto bene il primo combattimento contro un atleta esperto, poi ha perso i due successivi.

Nella stessa categoria, uno sfortunato Giacomo Carletti ha dovuto abbandonare la gara per una contusione alla spalla quando aveva già in tasca due vittorie. Nicola Di Renzo Mannino (Cad -66 kg) e Lorenza Giuliodori (Cad -57 kg) hanno riportato una vittoria e due sconfitte nelle rispettive categorie, dando comunque del filo da torcere ai forti avversari e mettendo in difficoltà anche i più titolati. Grande soddisfazione da parte degli Istruttori Tecnici del Sakura Tiziana Lazzari e Carlo Pasqualini, certamente per le ottime prestazioni dei loro allievi e per gli esiti conseguiti, ma anche per il buon piazzamento del Club nella classifica per le società, che vede il Club osimano al 20° posto su 152 società partecipanti e prima società marchigiana. Ma la stagione agonistica non è affatto conclusa, anzi, per le prossime settimane sono già tre gli impegni fissati: sabato prossimo l’allenamento regionale a Camerano; sabato 25 e domenica 26 maggio il 5° Trofeo “Giovani Samurai” – Memorial Sardus Tronti, organizzato proprio dal Judo Club Sakura Osimo ASD al PalaBaldinelli; domenica 2 giugno a Recanati il torneo interregionale “Città Leopardiana”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-05-2013 alle 16:27 sul giornale del 18 maggio 2013 - 1492 letture

In questo articolo si parla di attualità, sport, osimo, judo, judo club sakura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/M67





logoEV
logoEV