utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > SPORT
comunicato stampa

Judo: il Sakura scalda i motori al torneo Lungarotti in Umbria prima del torneo dell'Aquila

4' di lettura
1606

Sabato 4 e domenica 5 maggio 2013, presso il palasport di Torgiano (PG), si è tenuto il III Trofeo “Cantina Lungarotti”: il Judo Club Sakura Osimo ASD vi ha preso parte soltanto con un gruppo di giovanissimi, per lasciare un week end di riposo agli atleti più grandi in vista del ben più prestigioso Torneo Internazionale “Città di L’Aquila”, in programma nel capoluogo abruzzese la prossima settimana.

Di seguito tutti i risultati. Sabato pomeriggio, i primi a salire sul tatami sono i Ragazzi (2003, 2002), i quali gareggiano con il termine dei venti punti judo e con l’abituale formula del girone all’italiana, con raggruppamenti da tre nel caso dei nostri quattro atleti. Margherita Spadoni (-40 kg) e Davide Fusella (-40 kg) superano entrambi gli avversari che hanno di fronte a suon di ippon (massimo punteggio) e wazari, guadagnando la vetta del podio.

Sconfitti di misura nel primo incontro, Rebecca Rossi (-36 kg) e Nicola Giuliodori (-45 kg) si impongono subito per doppio ippon ciascuno nel secondo combattimento, conquistando così la medaglia d’argento. Poi è la volta degli Esordienti A (2001), che gareggiano invece con il normale Regolamento delle classi agonistiche. Rebecca Amantini (-44 kg) vince per ippon il primo combattimento, poi nella finale si lascia sopraffare dall’agitazione e deve accontentarsi del secondo posto.

Buona condotta di gara per Mattia Proietti (-45 kg) e Filippo Mucci (-50 kg), i quali vincono agevolmente tutti e tre gli incontri disputati, classificandosi al primo posto su otto e su cinque partecipanti, rispettivamente. Con dieci atleti iscritti, la categoria di Leonardo Cingolani (-55 kg) è la più affollata: il nostro judoka meno esperto dà comunque bella mostra di sé piazzandosi sul terzo gradino del podio: dopo aver vinto due combattimenti per doppio wazari e ippon, Leonardo perde l’incontro di accesso alla finale, ma si riscatta – ancora per doppio wazari – nella finalina per il terzo posto. Sfortunato Paolo Marchetti (-66 kg) che, per colpa di qualche etto di troppo, non riesce a rientrare nella sua solita categoria di peso e deve pertanto confrontarsi con atleti più pesanti di lui: un po’ intimorito dalla stazza dei suoi due avversari, riesce comunque a portare a casa una vittoria e a classificarsi al secondo posto. Sfortunata anche Annalisa Gianfelici (-63 kg), che si ritrova sola in categoria; le viene concesso di disputare un solo combattimento fuori gara con un’atleta più grande d’età: la nostra atleta prova diversi attacchi ma non efficaci, e proprio su uno di questi viene beccata in contro-tecnica. Prestazioni più che soddisfacenti arrivano dagli Esordienti B (2000, 1999).

Nella categoria di peso di Matias Marzocchi (-60 kg) sono iscritti nove atleti: il nostro atleta supera ben due avversari prima di disputare la finale contro un ostico atleta umbro: l’incontro termina in parità, ma una sanzione in più penalizza Matias, che si ferma dunque sul secondo gradino del podio. Impeccabile Stefano Di Renzo Mannino (-66 kg) che si aggiudica tutti e tre gli incontri disputati in una manciata di secondi, conquistando la medaglia più importante. Finito l’intenso pomeriggio di gara non è ancora noto il piazzamento del Club Sakura nella classifica per società: il criterio di assegnazione del Trofeo considera infatti anche la competizione degli atleti Cadetti, Juniores, Seniores e Master in programma per la mattinata successiva (a cui, tra l’altro, il Sakura non prende parte). La domenica poi, una volta aggiornata la classifica, ci comunicano che il Sakura Osimo – con le sole forze degli Esordienti A e B! – si piazza al quarto posto su una trentina di società, con buona soddisfazione da parte dei Tecnici. Domenica pomeriggio si è svolta invece la manifestazione giovanile a carattere propedeutico, riservata ai judoka più piccoli.

Dalla classe Bambini (2008, 2007, 2006) arrivano due terzi posti con Emanuele Affinito (-18 kg) e Angelica Amantini (-19 kg), i quali figurano bene pur non riuscendo a riportare alcuna vittoria. Stesso risultato nella classe Fanciulli (2005, 2004) per Gabriele Veschetti (-39 kg), mentre Enrico Sgardi (-26 kg) riesce ad aggiudicarsi almeno un incontro. Con un incontro vinto ed uno perso Gabriele Mancini (-27 kg) si ferma sul secondo gradino del podio; secondo posto anche per Federico Gismondi (-26 kg) – che vince un solo incontro e ne pareggia due – e Francesco Cartechini (-31 kg), che vince ben due combattimenti, ne pareggia uno e ne perde uno. Con una vittoria ed un pareggio, Giorgia Teoli (-23 kg) conquista il primo posto, come pure Daniele Braconi (-26 kg), sempre concentrato e determinato, che vince tutti e tre i combattimenti effettuati.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2013 alle 16:12 sul giornale del 07 maggio 2013 - 1606 letture