utenti online

M5S: 'dietro le nomine Astea un'altra operazione di 'Palazzo'. Basta clientele e doppi incarichi'

2' di lettura 28/04/2013 - Il Signor Giancarlo Mengoni non ce l’ha fatta. Non sono bastate le 318 preferenze prese alle scorse elezioni comunali per mantenere la poltrona. Nonostante i buoni risultati di esercizio ottenuti dall’Astea durante la sua gestione.

(Chissà, forse ottenuti grazie al 'generoso' e 'volontario' contributo dei cittadini che si sono visti addebitare illegittimamente la quota della remunerazione del capitale privato abrogata col referendum del 2011, su cui presto il MoVimento 5 Stelle di Osimo farà sentire la sua voce) in un momento congiunturale così difficile l’Amministrazione SimonciniLatini (o Latini – Simoncini,scegliete voi l’ordine) si assume l’onere di congedare Mengoni e di scegliere il 'nuovo' Amministratore delegato dell’Astea “in modo libero e ponderato affinché il ruolo della città e le aspettative di tutta la cittadinanza siano al massimo valorizzati' (Sindaco Simoncini, 26.04.2013).

Dopo attenta riflessione, ecco che viene calato il prevedibile tris d’assi. Le nomination sono: Avv. Dino Latini, Avv. Giancarlo Alessandrini, Ing. Sandro Antonelli. Forse l’Avv. Latini dovrà clamorosamente rinunciare fin da subito alla sua nomination, almeno stando a quanto da lui dichiarato nel 2010 quando sostenne la nomina dell’ex dipendente Mengoni alla presidenza dell’Astea, giustificandola con la tesi secondo cui ' in tutte le grandi aziende nazionali, la presenza in amministrazione dei dipendenti rende più forte, sicuro ed efficace il legame tra l’azienda e l’organico lavorativo' (cfr.http://www.ilcittadinodirecanati.it/archivio-news/notizie/4834).

E sì, perché a beccarsi i tanti soldini del compenso dell’Amministratore Delegato non sarà questa volta un semplice ex-dipendente, ma sarà come minimo un Assessore comunale, se non addirittura un Consigliere Comunale e Regionale. Se l’Amministrazione Simoncini ci tiene a 'valorizzare le aspettative dei cittadini', cominci ad ascoltare la loro voce: Basta ai doppi e tripli incarichi mentre ci sono giovani e padri di famiglia disoccupati! Basta alla monopolizzazione strategica e clientelare delle poltrone! E’ ora di avviare il processo di restituzione alla cittadinanza di un’azienda di interesse strategico come Astea, che eroga servizi essenziali per gli osimani, senza più seguire logiche utilitaristiche che favoriscono l’interesse di pochi a discapito della collettività. Questa sarebbe l’occasione giusta! E il povero signor Mengoni? Avrebbe bisogno di un po’ di solidarietà in questo momento difficile. Ah, pardon: magari è già pronto per lui l’Oscar per il miglior attore non protagonista: la poltrona di Astea Energia. Efficienza 'civica'.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-04-2013 alle 16:00 sul giornale del 29 aprile 2013 - 1012 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, Movimento 5 Stelle, Movimento 5 Stelle Osimo, nomine Astea, ad, incaruchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/Mj7