utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ECONOMIA
comunicato stampa

Banca, impresa e territorio: il trinomio per la costituenda Banca di Osimo

2' di lettura
2025

carte di credito o bancomat
'La Banca, l’Impresa, il Territorio: restituiamo credito alle idee'. E’ il tema del Convegno organizzato dalla Costituenda Banca di Osimo in collaborazione con Confapi e Compagnia delle Opere alla Sala Astea ad Osimo il 4 Aprile 2013 alle ore 18. Un incontro fondamentale per riportare l’attenzione sull’accesso al credito e sulle reali prospettive di rilancio del Territorio e delle Imprese che vi operano.

La costituenda Banca di Osimo illustrerà quella che sarà la sua attività creditizia nel primo triennio di attività, triennio in cui il Territorio avrà la possibilità di godere di oltre 40 milioni di euro di investimenti, per contrastare un trend che mai nel passato recente ha coinvolto il nostro tessuto socio economico così duramente ed in profondità. Impareremo a conoscerci e a lavorare insieme per fare fronte comune ed attuare tutte quelle sinergie possibili in una lotta che, se affrontata singolarmente o in maniera disorganica, rischia di diventare impari e tragica.

Pur nelle grandissime difficoltà, il territorio risulta ancora ricco e dotato, ma i nostri individualismi, ampiamente evidenziati da questa crisi, rischiano di essere il propellente negativo alla nostra ripresa, il masso che ci porterà definitivamente a fondo. Chi ha denaro è spaventato e non ha più nuove idee da proporre, chi ha idee e progetti, non ha credito per realizzarli. Perdurando la situazione, perderemo entrambi.

O l’impresa, la famiglia, il cittadino possiedono la loro Banca o la banca, prima o poi, possiederà loro. Occorre ricostruire un sistema di credito locale attraverso principi etici di cooperazione e mutualità, questa non è una operazione commerciale, ma una azione di consapevolezza civile ed economica, il tempo delle invidie e dei personalismi è tramontato, ora bisogna cambiare.



carte di credito o bancomat

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-03-2013 alle 18:59 sul giornale del 27 marzo 2013 - 2025 letture