utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA

Loreto: a 25 anni dalla scomparsa apre sabato la personale di Costantino Traietti

3' di lettura
508

Sabato 23 marzo, alle ore 17, presso la Sala Espositiva di Corso Boccalini, verrà inaugurata la mostra “Costantino Traietti – Ora che è sera e non buio”. A venticinque anni dalla scomparsa, l’esposizione, promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto e patrocinata dal Comune di Loreto, vuole rendere omaggio a questo artista, marchigiano d’adozione, che ha trovato in Loreto la sua città, l’approdo a lui più rispondente, la piena maturità artistica e intellettuale e qui ha lasciato i tanti capolavori.

Nella mostra, curata dall’architetto Massimo Di Matteo, sarà esposta la migliore produzione dell’artista, tra figure, paesaggi e nature morte. L’esposizione consisterà in circa 60 - 70 opere tra dipinti e disegni conservati e messi a disposizione dalla vedova Domitilla Carnevalini Traietti e dal figlio Lorenzo.

'Coll’andare del tempo la memoria della sua persona si farà più sbiadita, ma la sua arte lo ha reso immortale'. Così scriveva Marialuisa Angelillo di Traietti scomparso il primo marzo del 1988. 'Invero - ha sottolineato l’arch. Di Matteo - il ricordo dell’Uomo e dell’Artista permane intenso nei tanti che lo hanno conosciuto, stimato o amato. Ma è importante, proprio nel periodo di crisi di valori che stiamo vivendo, tornare a condividere e trasmettere la memoria di quella grande e singolare testimonianza di vita che ha avuto nella pittura la sua manifestazione più alta: una pittura forte di materia e colore, di espressività e visionarietà'. 'La Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto – ha detto la presidente dott.ssa Ancilla Tombolini - dedica a Costantino Traietti la mostra “Ora che è sera e non buio …”.

Un tema che definisce un percorso artistico altamente significativo che abbraccia tutto l’arco della sua vita. Una mostra messaggio, un percorso artistico meditativo rivolto a quanti conobbero personalmente l’artista nei suoi anni di vita, a quanti desiderano scoprirne il valore estetico e l’interiorità dei segni, dei colori, della luce, per ritrovare Costantino nella sua completezza di uomo e di artista. L’augurio è che tutti i visitatori sentano appagato il desiderio di scoprire il valore del bello, dell’onesto, del gratuito da rispettare e conservare per il futuro di una società che ricerchi e costruisca unitamente economia ed eticità'
.

'Questa mostra – hanno sottolineato il sindaco di Loreto Paolo Niccoletti e l’assessore alla Cultura Maria Teresa Schiavoniè un vero e proprio regalo, che la famiglia Traietti fa alla comunità lauretana e una imperdibile occasione per approfondire la produzione di questo pittore, musicista e poeta che, nel momento in cui decise di stabilirsi nella città mariana, legò profondamente le sue opere a questa terra che ha saputo essere per lui fonte di ispirazione per la realizzazione di numerosi capolavori”. La mostra resterà aperta fino al 5 maggio 2013.



Questo è un articolo pubblicato il 20-03-2013 alle 18:13 sul giornale del 21 marzo 2013 - 508 letture