utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

Liste civiche: idea acquisto di Geos da parte di Astea. No deciso agli aumenti Tares

1' di lettura
724

Liste Civiche di Osimo
Argomenti importanti, quelli dibattuti durante la recente riunione delle liste civiche poiché si è discusso della Società partecipata Geos e della nuova tassa sui rifiuti urbani, la Tares.

Niente di nuovo per la società Geos il cui bando di gara con contratto di servizio quinquennale con il Comune di Osimo è scaduto in data 15 marzo. Si è dibattuto molto su società partecipate e sulla realtà della Geos, che per i servizi che svolge potrebbe, senza difficoltà essere acquisita da Astea (che al momento detiene più del 30% della società) e rappresenterebbe anche per Astea stessa una grande opportunità di razionalizzazione e complementarietà di alcuni servizi, come la manutenzione delle strade e del verde pubblico, servizi effettuate da entrambe le società. E’ emerso in maniera unanime la convinzione che tale passaggio permetterebbe di salvaguardare i servizi, i dipendenti, rafforzando Astea, con l'acquisizione di tale settore.

L’altra importante discussione è stata incentrata sulla nuova tassa rifiuti urbani, la Tares. Punto centrale e sul quale tutti i partecipanti hanno convenuto è che non si può far gravare sulle tasche degli osimani questo aumento che la Tares (imposta dallo Stato) prevede. L’aumento di 0,30 euro metro/quadro comporterebbe un aggravio di più di 100 euro per ciascuna famiglia e un aumento del 300% alle attività produttive.

Le liste civiche chiedono pertanto all’Amministrazione Comunale di perseguire tutte le vie possibili di trovare soluzioni, di cercare risparmi e di applicare la spending review, perché tale aumento non venga assolutamente applicato.



Liste Civiche di Osimo

Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2013 alle 22:49 sul giornale del 20 marzo 2013 - 724 letture