utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Offagna: mezione al dottorato europeo per l'offagnese Irina Tumini

2' di lettura
1204

'E’ davvero un gran bel piacere aver riportato la notizia della menzione di dottorato europeo alla nostra ingegnere-architetto offagnese Irina Tumini da parte dell’Università Politecnica di Madrid'. E’ quanto afferma il sindaco del Comune di Offagna, Stefano Gatto, nell’esprimere la propria soddisfazione, in qualità di primo cittadino del Borgo medioevale e in rappresentanza dell’Amministrazione comunale.

Irina Tumini, nata il 22 febbraio 1979, 34 anni, ad Ancona, residente ad Offagna, ha conseguito la laurea specialistica in Ingegneria edile-architettura all’Università Politecnica delle Marche l’11 giugno 2004, con una tesi sul riciclaggio urbano attraverso un progetto di recupero dell’ex-mattatoio di Ancona.

Il conseguimento della ‘preziosa’ ed importante menzione, stabilita e disposta dalla Commissione di tesi internazionale presente lo scorso 25 febbraio all’Università Politecnica di Madrid, dove Irina Tumini ha ottenuto tale risultato a seguito della lettura della tesi di dottorato, con il voto di 'cum laude' all’unanimità e la già citata menzione di dottorato europeo.

Il tema trattato nella tesi è il miglioramento delle condizioni climatiche negli spazi urbani. Inoltre, la tesi solleva la discussione su differenti temi di attualità. In primo luogo, la possibilità di attuare nello spazio costruito il miglioramento del confort termico delle persone attraverso la modificazione delle pavimentazioni e della vegetazione. In secondo luogo, si pone l’attenzione su altri temi di rilevanza: l’importanza dello spazio pubblico delle nostre città come luogo per la convivenza, l’educazione al rispetto degli altri e per la coesione sociale tra i cittadini.

Altro elemento di novità introdotto da Irina Tumini è il problema del recupero dei quartieri popolari di costruzione o di edificazione tra gli anni 1960 e 1970, che oggi costituiscono delle sacche di degrado strutturale e sociale dentro le nostre città. Il recupero di questi quartieri permetterebbe di migliorare la qualità degli edifici e del paesaggio urbano, riducendo il consumo energetico e ridando qualità di vita a una gran parte della popolazione cittadina, preservando il tessuto sociale consolidato.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2013 alle 23:01 sul giornale del 06 marzo 2013 - 1204 letture