Castelfidardo: ex-convento di Sant'Agostino in abbandono, la denuncia di Prc

partito rifondazione comunista 18/02/2013 - Una recente determina impegna 11.500 euro per mettere in sicurezza alcune parti del Convento di Sant’Agostino, immobile acquistato dal Comune di Castelfidardo nel 2008. Ripercorriamo brevemente la vicenda.

La giunta Soprani acquistò l’ex Convento da un privato; successivamente ha permutato la parte meglio conservata della struttura con i fatiscenti locali dell’ex asilo di Padre Severino, locali che, è bene ricordare, furono costruiti dalla Diocesi su terreno regalato dal Comune di Castelfidardo. La parte più rovinata dell’ex Convento è attualmente di proprietà del Comune e ancora non è dato capire a quale uso sia destinata.

Qualche anno fa i nostri amministratori dicevano che i locali sarebbero stati ristrutturati con i fonti statali presi dal gettito dell’8 x mille; sono passati cinque anni e l’ex convento è ancora lì, anzi, come è scritto nella determina, è “in evidente stato di abbandono, con cedimenti strutturali soprattutto sulle coperture, che consentono il passaggio dell’acqua piovana con serie conseguenze per l’intero complesso”, e sono costretti a mettere in sicurezza alcune parti per evitare che le infiltrazioni rovinino i locali della parrocchia.

Quando si parla di sperpero di denaro pubblico non bisogna andare tanto lontano: basta fare un salto dietro la Chiesa di Sant’Agostino e “ammirare” l’acquisto-capolavoro dei nostri amministratori.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2013 alle 18:20 sul giornale del 19 febbraio 2013 - 401 letture

In questo articolo si parla di politica, castelfidardo, prc, comune, fondi, partito rifondazione comunista, determina

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JEI





logoEV