utenti online

Sanità: lettera aperta dei sindacati a Spacca su contrattazione decentrata e nomina del Direttore dell'AV2

Sindacati 2' di lettura 05/11/2012 - Egregio Presidente,
La scrivente RSU dell’Area Vasta 2 e le OO.SS. Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, NurSind, Fsi, Ali, sono da tempo convinte che l’ASUR rappresenti un ostacolo ad un proficuo confronto, nelle sedi di Area Vasta, per quanto riguarda tutte le materie demandate alla contrattazione, dal CCNL e dalla normativa regionale.

Non è possibile qui ricordare tutte le motivazioni, anche tecniche, che hanno confermato continuamente questa nostra considerazione diventata ormai certezza, basti richiamare gli ormai numerosi accordi su materie fondamentali, raggiunti e firmati in Area Vasta, puntualmente ed arbitrariamente “bloccati” in Asur.

Quanto sopra, dovrebbe indurre a riconsiderare la scelta operata dal livello politico in merito all’Azienda Sanitaria Unica, giudizio emerso in modo chiaro nella riunione plenaria delle RR.SS.UU., della Regione Marche tenutasi in data 23.10.2012.

Ma, per quanto ci riguarda più direttamente, la situazione organizzativa attuale dell’Area Vasta 2 rende ancora più drammatica la realtà della sanità territoriale sia per quanto riguarda le strutture ospedaliere che i servizi distrettuali.

Infatti, se pur dotato di poteri limitati, il Direttore dell’Area Vasta, con la sua presenza, consentiva lo svolgimento della contrattazione decentrata nella quale si evidenziavano e si affrontavano le carenze delle dotazioni organiche, e la deriva dell’organizzazione sanitaria, soprattutto in questa fase di riduzione drastica delle risorse disponibili, in parte motivata dal taglio dei trasferimenti ma anche dall’incapacità dell’Asur di conoscere le reali esigenze dei Territori.

Come si sa, l’allontanamento dell’ex Direttore, ha causato un vuoto istituzionale paralizzante per l’attività dell’A.V.2, e per il confronto sindacale. Quello che non comprendiamo però, è la motivazione del ritardo della sostituzione del Direttore, quasi si volesse lasciare il territorio più vasto e complesso della Regione in balia della propria disorganizzazione, dimostrando così di avere scarsa considerazione della condizione già precaria dei Cittadini che, quotidianamente, affluiscono a Servizi Sanitari, purtroppo, sempre più precari.

Che cosa si attende ad individuare e nominare un nuovo Direttore A.V.2? Si vuol lasciare che il caos derivante dal taglio dei posti letto, dal licenziamento dei precari e dalla mancata sostituzione dei pensionamenti determini il collasso dell’assistenza sanitaria? Perché proprio nell’Area Vasta 2?

Appunto non capiamo. Quel che è certo, e qui se ne fa espressa richiesta, è necessario che il governo regionale e l’Asur, ciascuno per le proprie competenze, superando i soliti inutili ritardi, individuino immediatamente un nuovo Direttore e lo rendano operativo nel più breve tempo possibile.

Distinti saluti.


da Giacomo Mancinelli
per le RSU dell'Area Vasta 2 e le OO.SS.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-11-2012 alle 19:55 sul giornale del 06 novembre 2012 - 510 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, sindacati, rsu, Giacomo Mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/FHM





logoEV
logoEV