utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Sanità, Latini all'attacco: 'Ospedale di Osimo al punto zero, basta promesse'

1' di lettura
518

Dino Latini

Niente di quello che era stato promesso (ancora una volta) non più tardi dell’aprile scorso è stato mantenuto per l’ospedale di Osimo. Niente copertura dei posti scoperti, niente vera riorganizzazione, niente attività di drenaggio dei servizi che affollanno l’ospedale Regionale.

Niente interventi strutturali su cui molti medici, soprattutto del pronto soccorso si erano battuti, ed in particolar modo niente ampliamento dello stesso pronto soccorso. I soldi sono di fatto stati deviati verso altri lidi ospedalieri pur necessari di interventi (come quello di Fabriano), ma non con la priorità che ha Osimo. Oggi il noscomio è occupato da macerie, ingombri non dovuti. Si è sprecato altro denaro dal momento dei lavori per la sistemazione della sala chirurgica, i cui lavori in corso d’opera, per “ordini superiori o diversi” si sono fermati solo al rifacimento del tetto della zona interessata. Non si possono neanche dare pietà ai defunti che devono essere ospitati nella sala mortuaria. Di fatto l’ospedale è un mezzo limbo di lavori fermi, lavori sospesi, servizi rinviati, personale che viene pagato per non poter svolgere il loro lavoro. Questa è la realtà dei fatti. Ho ripresentato un esposto a chi di dovere, perché non si può più sopportare una situazione del genere. La faccia di tale massacro sanitario la deve mettere chi è il responsabile delle scelte.



Dino Latini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-09-2012 alle 17:06 sul giornale del 15 settembre 2012 - 518 letture