Gli interventi ed i lavori di ristrutturazione agli asili nido osimani

4' di lettura 11/09/2012 - L’asilo nido è un servizio educativo e sociale che favorisce, in collaborazione con la famiglia, l’armonico sviluppo della personalità del bambino, promuovendone l’autonomia e la socializzazione.

È un contesto socio-educativo, un luogo di allevamento e di vita dove i bambini fanno delle esperienze educative e i genitori trovano soluzioni di cura e di supporto, oltre che una condivisione della responsabilità educativa. I nidi, così come tutti i servizi rivolti alle nuove generazioni ed alle famiglie osimane, hanno sempre avuto un’attenzione particolare da parte dell’Amministrazione Simoncini. Dopo la fine dei lavori alla sede di santa Lucia dell’Istituto Comprensivo “Bruno da Osimo”, che è stata restituito alla città non soltanto con nuove aule e muri ridipinti, ma soprattutto con spazi sicuri, confortevoli e adatti allo studio, altre strutture pubbliche hanno subito interventi di ristrutturazione e ampliamento.

Tra tutti vale la pena ricordare quelli effettuati all’Asilo Nido “Collefiorito” e al “Peter Pan” di San Sabino. Nel primo caso sono stati realizzati lavori per una spesa di 200 mila euro. Sono stati ampliati gli spazi per garantire un ambiente caldo, accogliente e stimolante e favorire i processi evolutivi e conoscitivi del bambino. Le stanze in gran parte sono state riattrezzate, così come la cucina e la mensa. Si è provveduto alla realizzazione della stanza per il gioco con l’acqua e di una mini palestra per l’attività motoria. Sono stati rifatti anche i bagni e risistemate le stanze che ospitavano il personale. Il “Peter Pan” che ha ospitato fino al termine dei lavori i bambini del “Collefiorito” è stato invece completamente riattrezzato.

“Vogliamo far crescere i nostri piccoli in strutture nuove, efficienti e sicure – hanno dichiarato le assessori Triscari e Giacchetti durante il tour con i giornalisti alle due strutture – tutte le domande di accesso ai nidi pervenute sono state accolte, inoltre - ha aggiunto con soddisfazione il vice sindaco e assessore ai servizi sociali Francesca Triscari – continueremo ad applicare anche quest’anno il “Quoziente Osimo” che garantisce particolari vantaggi economici. In totale nella nostra città ci sono 203 posti disponibili nei nidi gestiti dal Comune e dalla Asso ai quali vanni aggiunti quelli delle strutture private”. Il nido “Collferiorito” prima dei lavori disponeva di 46 posti, oggi sono diventati 54, il “Peter Pan” può ospitare 53 bambini di cui 35 convenzionati. “L’arca dei bimbi” di San Biagio ha 48 posti rispetto ai 28 disponibili prima che la struttura venisse realizzata ex novo. ”L’oasi dei bimbi” può contare invece su 38 posti. Il metodo educativo applicato nei nidi “senza testa” si ispira al pensiero di Maria Montessori e si basa quindi sul ritenere il bambino una persona completa, protagonista attiva del suo personale apprendimento.

Le attività di formazione e apprendimento su cui si fonda la programmazione si svolgono in un ambiente “a misura di bambino” ( cfr le foto)e sono volte alla conoscenza ed esplorazione degli oggetti, allo sviluppo delle capacità percettive, al gioco e al movimento, allo sviluppo della comunicazione verbale e non, e alla manifestazione e riconoscimento delle emozioni. Tutto questo serve a favorire la conquista dell'autonomia, il piacere del fare ed il desiderio di rapportarsi con gli altri e con l'ambiente, in modo da creare la condizione ottimale che porti i bambini, in maniera naturale, ad esprimere al meglio le loro potenzialità e i loro talenti. “Gli interventi sono stati progettati con l’intento di potenziare i servizi socio – educativi per la prima infanzia, così come previsto nell’ambito delle linee programmatiche di governo della città, che individuano nell’attenzione por i nostri bambini degli asili nido una delle priorità dell’Amministrazione Comunale” – ha dichiarato il sindaco Stefano Simoncini.

“Il Comune di Osimo – ha aggiunto l’assessore alla pubblica istruzione Gilberta Giacchetti - migliora in tal modo un servizio pubblico che, con le 4 strutture disponibili, offre alla cittadinanza importanti servizi alla persona, caratterizzati da standard di straordinaria qualità”. “Un ringraziamento particolare va alla Asso, al presidente Graziano Palazzini, al direttore amministrativo Franco Natalucci e a tutto il personale che si impegna quotidianamente per garantire servizi eccellenti alle nostre future generazioni che possono contare su nuovi spazi sicuri, ma anche su tanti servizi, che vanno da quelli educativi, ai cibi serviti a mensa fino alla sicurezza della persona”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-09-2012 alle 16:05 sul giornale del 12 settembre 2012 - 569 letture

In questo articolo si parla di cronaca, osimo, Comune di Osimo, notizie osimo, asili nido osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DG1