Consiglio Comunale: mercoledì in Sala Gialla si parlerà anche di Strada di Bordo e nuovo Centro Aquilone

2' di lettura 22/05/2012 - Sarà un Consiglio Comunale ricco di spunti per il futuro urbanistico (e non solo) di Osimo quello che inizierà <mercoledì alle 17.30 con eventuale prosecuzione alle 20 del giorno successivo. Tanti i punti iscritti all’ordine del giorno.

Oltre al futuro dell’ex Consorzio Agrario ed all’ampliamento del reparto di Pronto Soccorso dell’ospedale di Osimo, in Sala Gialla si tornerà a parlare di strada di bordo. Su proposta della Giunta verrà infatti discussa una convenzione tra Comune e Lega del Filo d’Oro per la realizzazione di un tratto della strada di bordo che dvrà passare sul terreno che vedrà anche la nascita della nuova sede nazionale della Onlus, in via Linguetta.

“Comune e Lega del Filo d’Oro hanno raggiunto questo accordo – spiega il sindaco Simoncini – perché quel tratto di strada rappresenta un’opera fondamentale anche per il cantiere della loro nuova sede”. Cantiere che aprirà i battenti non appena il Comune rilascerà il permesso a costruire, quindi (verosimilimente) entro la fine dell’estate. “Il nuovo polo socio-sanitario della Lega del Filo d’Oro è molto importante per la città, così come importante sarà la viabilità alternativa che verrà resa possibile dalla realizzazione della strada di bordo”, commenta ancora Simoncini.

Altro punto importante in calendario per il Consiglio Comunale di mercoledì sarà quello relativo all’area dell’ex Foro Boario di via Molino Mensa (già utilizzata come deposito comunale), ora di proprietà della Imos. La società partecipata restituirà l’area al Comune, che la utilizzerà per la realizzione del nuovo Centro Aquilone (a settembre quest’ultimo traslocherà da San Sabino). In cambio, il Comune consentirà alla Imos di installare sui tetti di tre edifici pubblici una serie di pannelli solari di copertura. Le tre strutture già pronte ad accogliere i nuovi impianti sono la primaria “Maria Teresa di Calcutta” di Osimo Stazione, la primaria “Arcobaleno” di San Biagio e il circolo Junior Tennis di via Vescovara. Oltre a queste, altre due scuole osimane verranno scelte per l’installazione dei pannelli solari.

La Sala Gialla discuterà inoltre un OdG per chiedere la modifica del patto di stabilità in materia di regimazione idraulica ed adeguamenti antisismici. “Molti Comuni hanno già votato una proposta simile, partita da una petizione che il sottoscritto aveva deciso di promuovere online – spiega il sindaco – Allentare il patto di stabilità per spese di questo tipo consentirebbe alle casse comunali di respirare ed avere fondi liberi da spendere per rilanciare l’economia e realizzare opere pubbliche”. Secondo stime della Giunta, ammonterebbero a circa 3 milioni di euro i fondi il Comune di Osimo avrebbe potuto disporre come “svincolati” dalla normativa che impone il pareggio di bilancio per gli enti locali.