utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Dura replica del Comune alla Severini: 'Denigra lo sport osimano, non sa quel che dice'

3' di lettura
550

osimo

Comprendiamo il ruolo di chi sta all’opposizione che cerca di screditare in ogni modo l’operato di questa e della precedente Amministrazione, ma arrivare a dire cose false per fornire una visione completamente distorta della realtà, non fa parte nemmeno della peggiore politica.

La Severini, continuando nella sua azione denigratoria contro lo sport osimano, dimostra di non sapere quello che dice. Infatti quando afferma che la realizzazione del nuovo Palas e “le vicende ad essa legate hanno una ricaduta seria sulle tasche dei cittadini in termini di bollette”, di fatto divulga, in modo assolutamente scorretto, una grande menzogna.

Ci corre a questo punto l’obbligo di ricordare alla Severini che le bollette Astea pagate dai cittadini osimani sono quelle relative al consumo dell’acqua, dell’energia elettrica, del gas e dell’igiene urbana. La tariffa del Servizio Idrico Integrato (acqua + fognatura + depurazione) viene determinata dall’Autorita d’Ambito Territoriale Ottimale N. 3 (Marche Centro – Macerata) e non viene calcolata a livello di singolo Comune ma per tutto l'Ambito Territoriale Ottimale. Il costo dell’energia elettrica e del gas viene invece stabilito dall’Autorita dell’Energia Elettrica e del Gas e non dal Comune o dall’Astea. Il costo della tariffa di igiene urbana è invece determinata dal Comune e dall’Astea ma per questa, contrariamente alle indicazioni della Severini, è prevista addirittura una riduzione nei prossimi mesi.

La Severini afferma inoltre che il piano economico finanziario per la gestione della struttura è stato redatto da persone incapaci di valutare la realizzabilità dell’opera, ma dimentica che la situazione mondiale, italiana e quindi Osimana, è cambiata radicalmente nel giro di pochi anni. I due filoni principali di sostenibilità del Palas erano, secondo le previsioni, l’organizzazione di manifestazioni di vario tipo da una parte e le sponsorizzazioni dall’altra. Si può dire di certo che oggi mancano gli sponsors previsti nel business plan, tra cui anche quello consistente del socio privato Astea, ma non si può continuare a negare la valenza del nuovo Palas che permette alla nostra città di ospitare manifestazioni di importanza nazionale ed internazionale che altrimenti si sarebbero realizzate altrove.

Alcuni esempi sono la manifestazione internazionale di danza sportiva “Ancona Open”, che si svolge nel mese di Ottobre, l’incontro dei fedeli della madonna di Madjugorie con più di quattromila intervenuti, la semifinale del campionato italiano di Volley disputata poche settimane fa dalla Lube Banca Marche anche in questo caso con il tutto esaurito e le finali del Campionato Italiano di Bocce che si disputerà sabato e domenica prossimi.

Riteniamo quindi che il contributo che possa aver fornito il Comune per la gestione del Palas o il ripianamento del bilancio della Geosport, operato dal socio unico Astea si debba considerare come un contributo dato alla comunità osimana per la promozione a tutti i i livelli della città ed in particolare per la promozione di tutto lo sport osimano. Questo d’altro canto è stato sempre fatto dall’attuale e dalla precedente amministrazione non solo per il Palas o le società in esso operanti, ma per tutte le strutture sportive e per tutte le società del nostro territorio, tanto da portare Osimo ad essere identificato come uno dei comuni marchigiani più dotati di impianti sportivi e più ricco di società attive in ambito Coni.

Le affermazioni della Severini, fanno allora pensare che stia seguendo la linea portata avanti dal suo partito che ha dimostrato negli anni, con le tante interrogazioni fatte, di avere veramente “a cuore” le sorti dello sport e delle strutture sportive osimane.



osimo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-05-2012 alle 15:32 sul giornale del 18 maggio 2012 - 550 letture