utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Venerdì in Sala Astea la presentazione del nuovo Movimento Popolare di Liberazione

1' di lettura
607

Per evitare la catastrofe sociale verso la quale le oligarchie economico-finanziarie stanno trascinando le società dell'Occidente, con la complicità di una classe politica sempre meno rappresentativa della collettività e sempre più schiava dei poteri forti sovranazionali.

Riconoscere l'importanza di costruire un'unità dei movimenti che lottano contro questo regime sanguisuga illegittimo, in quanto non riconosciuto dalla volontà popolare, significa collocare al centro del dibattito politico l'importanza di presentare e praticare strumenti di democrazia partecipativa e di democrazia diretta, funzionali a una riappropriazione della politica da parte del popolo che rifiuta lo sciacallaggio di una classe dirigente il cui unico compito è quello di impoverire la classe popolare, per impinguare le casse sempre più voraci del capitale finanziario.

Una riappropriazione della politica che deve passare per una riappropriazione popolare del potere politico, l'unico in grado di garantire l'uscita da un sistema capitalistico occidentale agonizzante che trascina con sé la classe lavoratrice dei paesi europei.

A questo grande compito si può rispondere solo:

- ritrovando la sovranità monetaria uscendo dall'eurozona;

- nazionalizzando le banche e le grandi imprese strategiche;

- proteggendo i salari e gli stipendi dei lavoratori dalla concorrenza sleale per sfruttamento da parte dei paesi in via di sviluppo;

- favorendo l'autogestione delle aziende in crisi da parte dei lavoratori;

- condividendo con gli altri governi popolari nuove relazioni commerciali, basate sul rispetto della centralità della dignità del lavoratore e della sostenibilità ambientale.

Interverranno:

Moreno Pasquinelli (segreteria MPL)

Simone Bompadre (Osimo in Comune; MPL Marche)

Antonio Stacchiotti (L.U.P.O.; MPL Marche)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-05-2012 alle 16:33 sul giornale del 04 maggio 2012 - 607 letture