utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > SPORT
comunicato stampa

Judo, i ragazzi del Sakura Osimo a Cittadella

4' di lettura
1867

A nord di Padova, ai piedi delle Prealpi, tra il verde della pianura veneta e l’azzurro del fiume Brenta, si erge una delle più caratteristiche città del Veneto: Cittadella, detta anche “città murata” per la suggestiva cinta muraria medievale che ne racchiude il centro storico.

Sabato 21 aprile 2012, nel suo ampio e funzionale palazzetto dello sport, Cittadella ha ospitato il Kodomo-no-Judo (letteralmente, “Judo dei bambini”), una manifestazione non competitiva (cioè che non prevede classifiche di alcun genere) che fa da preambolo al ben più prestigioso Torneo Internazionale Città Murata, in programma nella stessa sede il giorno seguente.

Il team tecnico del Judo Club Sakura Osimo ASD ha deciso di prender parte a questa manifestazione non tanto per lo spirito, quanto per dare ai propri giovani allievi la possibilità di avere un “assaggio” di cosa vuol dire fare una trasferta, visto che già dall’anno prossimo molti di loro passeranno di classe federale ed entreranno nel vivace mondo delle “vere” competizioni agonistiche.

In dieci hanno aderito all’iniziativa. Così, accompagnati dalle insegnanti Lazzari e Pasqualini e, come sempre, dalle famiglie, il gruppo è partito sabato mattina alla volta di Cittadella.

Nicolas Ambrosoni (-35 kg) – unico Fanciullo in gara per il Sakura – è stato il primo a combattere. Nel primo incontro Nicolas, frenato forse dall’emozione, non è riuscito a mettersi in luce; nel secondo invece, dietro suggerimento delle insegnanti, ha provato diverse volte la sua tecnica di o uchi gari, ma si è anche difeso molto bene dagli attacchi del suo avversario, sia a terra che in piedi, perdendo alla fine soltanto per uno yuko (punteggio più basso).

Nella classe Ragazzi, Rebecca Rossi (-32 kg), grazie ad una disattenzione degli organizzatori, ha avuto l’opportunità si svolgere ben quattro incontri. La sua gara è stata un crescendo: dopo aver perso il primo, Rebecca ha pareggiato e vinto i due combattimenti successivi; poi però la stanchezza ha preso il sopravvento, e anche l’ultimo scontro è terminato in parità.

Quasi ineccepibile la prestazione di Davide Fusella (-35 kg), il quale ha vinto entrambi gli incontri disputati: i suoi contendenti non hanno potuto niente contro il suo potente ko uchi gake; certo, ancora qualche imperfezione tecnica da correggere e migliorare c’è, ma l’atteggiamento è quello giusto.

Stefano Staffolani (-35 kg) ha pareggiato il primo incontro, portando esclusivamente tecniche di gamba rivelatesi inefficaci ai fini del punteggio (come la sua rivale, del resto). Il secondo incontro sembrava piatto come il precedente ma, sullo scadere del tempo, proprio ad un secondo dalla fine, Stefano ha sbalordito tutti rendendosi protagonista di un ippon entusiasmante di tani otoshi in controtecnica che gli ha regalato la vittoria.

Anche Rebecca Amantini (-38 kg) ha rifilato un ippon da manuale al suo avversario: dopo un paio di tentativi falliti, il terzo goshi guruma è stato quello risolutivo e… liberatorio. Peccato davvero per il primo incontro perso, in cui a Rebecca sono mancate un po’ di decisione e convinzione nelle proprie capacità.

Noemi Carpano (-38 kg) è stata l’unica cintura bianca del Sakura a voler partecipare alla trasferta. Un po’ intimorita dalla grandiosità dell’evento e dalla poca esperienza sulle spalle, Noemi ha pareggiato tutti e due i combattimenti disputati, ma nel secondo ha sfiorato la vittoria. Le potenzialità ci sono: basterebbe solo maggior controllo delle emozioni per poterle mettere a frutto nel migliore dei modi.

Per quanto riguarda Filippo Mucci (-41 kg) e Mattia Proietti (-44 kg) c’è poco da dire. Per loro, la lunga scia di successi sembra ancora inarrestabile, e neanche a Cittadella si è interrotta: sia Filippo che Mattia si sono aggiudicati entrambi gli incontri effettuati.

Performance brillante anche quella di Annalisa Gianfelici (-62 kg), la quale, con le due vittorie conquistate, conferma di essere in ottima forma e in un periodo più che positivo iniziato con il nuovo anno.

Giornata speciale per Paolo Marchetti (-60 kg), che ha deciso di festeggiare il suo undicesimo compleanno con gli amici del judo. Paolo ha vinto per ippon il primo combattimento e perso il seguente contro la compagna di squadra Annalisa, dimostrando comunque progressi nel gesto tecnico ed anche una certa serietà che spesso in allenamento manca... Sarà forse la “maturità” degli undici anni?!

Terminati tutti i combattimenti, i ragazzi si sono ritrovati tutti insieme fuori dal palazzetto per festeggiare (con tanto di torta!) il compleanno di Paolo

Alla fine di questa trasferta intensa ed impegnativa, le insegnanti fanno il punto della situazione: già a partire da lunedì si riprenderà con gli allenamenti, per approfondire gli aspetti tecnici ed emotivi su cui c’è ancora da lavorare. Nel complesso però, si ritengono soddisfatte, non solo per le buone prestazioni dei singoli, ma anche e soprattutto per l’affiatamento che hanno dimostrato come gruppo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2012 alle 15:07 sul giornale del 24 aprile 2012 - 1867 letture