utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Concerti, spettacoli, una sacra rappresentazione: l'Accademia di Osimo si collega con il mondo della musica

4' di lettura
502

Una Sacra rappresentazione in Cattedrale, con la Passione secondo San Giovanni di Alessandro Scarlatti, con la partecipazione della Corale Borroni e di un ensemble strumentale (31 marzo, alle ore 21,15) è l’occasione per ascoltare gli Allievi dell’Accademia d’ Arte Lirica in uno dei capolavori del barocco italiano.

Due controtenori, le voci maschili che interpretano ruoli di soprano e contralto – che nei secoli successivi saranno esclusivi delle voci femminili – intoneranno il testo dell’evangelista, mentre un tenore e un soprano presteranno voce a san Pietro e all’ancella del gran sacerdote, e un basso a quella di Gesù. Riccardo Lorenzetti dirigerà dal cembalo e Vincenzo De Vivo, direttore artistico dell’accademia, curerà la regia.

Con l’occasione, l’Accademia di Osimo - che ospita quest’anno ventisei giovani artisti provenienti da undici paesi e quattro continenti - presenta i suoi programmi artistici e didattici. Più ampia rispetto al passato è infatti l’offerta di concerti e spettacoli. Oltre che nel ciclo “Lirica a porte aperte”, quattro appuntamenti nella sede dell’Accademia (di cui l’ultimo, “Ottocento romantico”, il 29 aprile, sarà dato in anteprima il 27 a Roma, presso l’Accademia di Ungheria a Palazzo Falconieri), i giovani artisti saranno impegnati in una manifestazione a favore della Croce Rossa italiana, dal titolo “Rosso di sera” (5 maggio), nel concerto interetnico con i “Canti della loro terra” (8 giugno) e nel Concerto d’estate (15 giugno). Nuova produzione è l’evento mozartiano al Teatro La Nuova Fenice, Il Flauto Magico: Da Wolfi a Wolfgang, diretto da Francesco Micheli, in collaborazione con Macerata Opera Festival: unisce la musica di Mozart dal libretto di Schikaneder al testo di Goethe, che delineò un seguito alla storia di Pamina e Tamino (25 maggio). Un’importante partecipazione alle manifestazioni di Auximun MMXII – Osimo 2012 Giornate dell’antica Roma - sarà il concerto “Eroi, guerrieri Imperatori: Roma antica nell’Opera” (1 giugno).

A questi appuntamenti si uniscono le lezioni aperte – “La fabbrica della voce” – e gli inediti concerti in luoghi privati: La lirica a casa tua, occasione d’incontro tra le comunità e le famiglie osimane e i giovani cantanti internazionali, secondo l’antica tradizione dei Conservatori napoletani (6 maggio, presso al Casa di Riposo G. Buttari; 11 maggio, nella sede dell’Università delle Tre Età).

Il nuovo direttore artistico De Vivo ha inoltre inteso ampliare l’attività dell’Accademia con una serie di seminari, affidati a musicisti provenienti da Teatri, Festival, Orchestre, avvicinando i giovani cantanti ai responsabili di importanti Istituzioni musicali italiane: Cristina Mazzavillani Muti – Presidente di Ravenna Festival, Alberto Zedda – Direttore Artistico del Rossini Opera Festival, Michele Dall’Ongaro – Sovrintendente dell’Orchestra Nazionale della RAI, Gianni Tangucci – Direttore Artistico della Fondazione Pergolesi Spontini. Le nuove presenze si uniscono al prestigio dei docenti che già da tempo collaborano con l’Istituzione, tra cui figurano i soprani Lella Cuberli e Raina Kabaivanska e il tenore William Matteuzzi. In questi giorni è inoltre ad Osimo il clavicembalista e direttore d’orchestra Stefano Demicheli per selezionare gli allievi che perfezioneranno la vocalità del XVIII secolo a Napoli, e arriverà in aprile il celebre soprano ungherese Sylvia Sass, che curerà la preparazione di un programma cameristico di musiche di autori romantici (tra cui Verdi e Wagner).

Sempre nell’intento di colmare lo spazio tra il momento formativo e l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, l’Accademia sta formalizzando accordi con Istituzioni del territorio – la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi, il Macerata Opera Festival, il Teatro delle Muse – ma anche con il Centro di Musica antica Pietà dei Turchini di Napoli, per l’approfondimento del repertorio barocco, con Asolo Musica-Veneto Musica, con il Teatro Salieri di Legnago e con l’Accademia d’Ungheria a Roma, per l’esecuzione del patrimonio musicale europeo del XIX secolo. Il grandissimo sforzo produttivo è reso possibile dal sostegno di un gruppo di programmazione dell’attività, affiancando il Direttore generale Venanzio Sorbini e la responsabile organizzativa Simonetta Marchegiani. Ad essi si è unito l’apporto dei soci dell’Associazione Amici dell’Accademia – un centinaio circa di membri in soli quattro mesi di vita - che assicura all’Istituzione ed ai cantanti un contributo di entusiasmo e di energie.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-03-2012 alle 15:39 sul giornale del 29 marzo 2012 - 502 letture