utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CRONACA
comunicato stampa

Loreto: domenica l'inaugurazione della 'Fontana dei Galli' restaurata

3' di lettura
665

Loreto - inaugurazione della "Fontana dei Galli"

Domenica 25 marzo, alle ore 11:00, presso Piazza Leopardi, verrà inaugurata la “Fontana dei Galli” recentemente restaurata e riportata all’originario splendore.

L’intervento, che rientra nell’Accordo di Programma firmato tra Regione Marche e Comune di Loreto denominato “Progetto di recupero Mura e Fonti storiche nel territorio del Comune di Loreto “, per un importo complessivo di € 1.430.000,00, di cui € 656.000,00 con Fondi FAS si era reso necessario anche a seguito del furto, avvenuto negli scorsi anni, di due dei galli bronzei, opera dei fratelli Jacometti, che decoravano la fontana. I lavori, oltre al restauro conservativo delle strutture bronzee, alla pulitura, al trattamento consolidante e protettivo delle superfici lapidee decorate e degli elementi scultorei di grande rilevanza storico-artistica di cui si compone il manufatto hanno previsto anche la riproduzione fedele con calco a cera persa di 4 galli bronzei e del drago che verranno riposizionati sulla fontana al posto degli originali.

“Siamo veramente soddisfatti - hanno detto il sindaco Paolo Niccoletti e l’assessore ai Lavori Pubblici Roberto Bruni - di poter riconsegnare alla città, agli abitanti di Loreto e ai numerosi turisti e pellegrini questa bellissima fontana e questa piazza che potrà, in questo modo promuovere ancora meglio l’aggregazione tra le persone. L’intera piazza, infatti, è stata oggetto di lavori di manutenzione e di messa in sicurezza proprio nell’ottica di creare un bel luogo di incontro e di socializzazione. Da sottolineare che, dopo il famoso furto dei galli, le restanti copie originali verranno esposte all’interno del palazzo comunale”.

Il progetto ha previsto inoltre la posa in opera dell’impianto elettrico per la realizzazione di un’illuminazione scenica per valorizzare ed esaltare il monumento rendendolo visibile a quanti transitano la via”.

Durante la cerimonia saranno presenti anche gli alunni delle scuole del territorio e i rappresentanti del consiglio comunale dei ragazzi.

Cenni storici:

La Fontana dei Galli, situata nella piazza antistante Porta Romana, era detta inizialmente “Fontana del ritorno” in quanto veniva alimentata da una tubazione proveniente dalla Fontana Maggiore, in Piazza della Madonna, in cui giungevano le acque direttamente dall’acquedotto. La fontana, voluta dal protettore Cardinal Antonio Maria Gallo, è stata realizzata tra il 1614 ed il 1616. Originariamente era una vasca di mattoni con bordo in pietra d’Istria, di forma rettangolare ed era usata per abbeveratoio dei cavalli, specie durante le fiere. Venne ornata con bronzi dai fratelli Tarquinio e Pietro Paolo Jacometti che vi realizzarono un drago in onore del Papa Paolo V e quattro galli in onore del cardinale protettore. Dopo numerose riparazioni e restauri, nel 1889 la vasca fu completamente rinnovata in pietra assumendo l’attuale forma quadrata, fortemente arrotondata agli angoli, somigliante ad un fiore. Nel 1910, dovendosi sistemare la piazza per attuare il nuovo tracciato della strada nazionale, la fontana fu spostata più all’interno e venne protetta tutt’attorno da una cancellata in ferro che fu poi tolta nel 1925. Verso il 1970, a causa di un cedimento del suolo durante i lavori di scavo per la costruzione dei bagni pubblici, la fontana fu smontata e successivamente collocata in una posizione di maggior rilievo e visibilità ove si trova attualmente. Fin dalla prima metà del '600, la presenza dei galli che ornano la fontana, ha suggerito la denominazione della piazza nelle immediate vicinanze. Si legge infatti in un documento del 1841: Piazza dei Galli, "così chiamata da alcuni galli che gettano acqua nella fontana, la quale sorge nel mezzo".

La piazza di circa 1.400 mq è oggi denominata piazza Giacomo Leopardi.





Loreto - inaugurazione della "Fontana dei Galli"

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2012 alle 14:28 sul giornale del 23 marzo 2012 - 665 letture